Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Crescita e povertà: un'analisi empirica per i paesi latinoamericani

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Il modello proposto è stato il seguente: ititiitiit DCPov Η Ε ∆ attraverso di esso si è voluto verificare come specificatamente la povertà assoluta nei sei paesi latinoamericani fosse dipesa da crescita e disuguaglianze e si è anche eseguito, un originale confronto tra povertà relativa italiana e assoluta brasiliana dato che, nei due paesi, la percentuale d’incremento del reddito medio negli ultimi quarant’anni è stata quasi la stessa. Dal nuovo modello è risultato che per eliminare la povertà, bisogna ridurre le disuguaglianze e che la crescita è essenziale ma se non è accompagnata da un miglioramento della distribuzione del reddito, non porta i miglioramenti sperati. Tesi confermata da tutti i paesi latinoamericani considerati, in testa il Brasile. Ripartendo dalla domande iniziali dell’ analisi e cioè, quali erano state le ragioni per cui il gap tra paesi con redditi tanto simili si era così accresciuto e perché gli effetti sulla povertà erano stati tanto dissimili, si è trovata una risposta nell’analisi delle disuguaglianze. Mentre tutti i paesi dell’Area Europea considerati, hanno ridotto il valore dei loro indici di Gini negli ultimi quarant’anni, i paesi dell’America Latina non l’hanno fatto, ciò ha influito sia sulla loro crescita sia sulla riduzione della povertà. Argentina, Colombia, Costa Rica, Uruguay e Venezuela, mantenendo distribuzioni del reddito inique al loro interno, hanno incrementato poco i loro prodotti nazionali rispetto a quelli europei di conseguenza gli effetti sulla povertà sono stati esigui. Il Brasile, che è l’unico paese ad aver sperimentato un innalzamento notabile del proprio prodotto nazionale (oltre il 200%), avendo perdurato nella più grave situazione di disuguaglianze (Gini 60%), non è riuscito ad ottenere i risultati auspicati sulla povertà. Se, infatti, le disuguaglianze sono ad un livello così estremo come nel caso del Brasile e non mutano, si potrà crescere quanto si vuole, ma se dell’incremento dei redditi godrà sempre la stessa parte della popolazione, gli indici di povertà di fatto non muteranno.

Anteprima della Tesi di Lorenzo Tordelli

Anteprima della tesi: Crescita e povertà: un'analisi empirica per i paesi latinoamericani, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Lorenzo Tordelli Contatta »

Composta da 212 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5521 click dal 01/03/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.