Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Somministrazione di due antiossidanti naturali alla bovina nel periparto: effetti sui parametri quali-quantitativi del latte e sullo stato ossidativo del siero

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

cause del cambiamento del comportamento alimentare in queste fasi possono essere cercate sia in fattori fisici, tra cui i più importanti sono la capacità dell’apparato digerente e lo spazio disponibile nel cavo addominale, sia nelle modificazioni metaboliche che precedono il parto, come l’intensa mobilizzazione di lipidi e il conseguente aumento dei trigliceridi a livello epatico (Bertics et al., 1992), sia nei fattori ambientali, psicogeni e sociali che certamente condizionano fortemente il periodo del periparto (Mertens, 1994). La gestione nutrizionale di questa fase ha l’obiettivo di aumentare la densità di nutrienti nella dieta immediatamente prima del parto e di stimolare l’assunzione di sostanza secca nell’immediato post partum e nelle prime settimane di lattazione. Inoltre è importante minimizzare il calo di assunzione prima del parto in quanto è strettamente correlato con l’assunzione e la produzione di latte nelle prime fasi di lattazione (Dell’Orto et al., 1997). Va considerato che a partire da 10-15 giorni prima del parto, le modificazioni dell’assetto metabolico che si verificano nell’organismo animale per la preparazione al parto e alla successiva lattazione e lo sviluppo del feto determinano un aumento dei fabbisogni di diversi principi nutritivi, in particolare glucosio e aminoacidi (Bell, 1995). Successivamente, durante le prime fasi della lattazione, la quantità di energia richiesta per il mantenimento dell’omeostasi corporea e per la produzione di latte è superiore alla quantità di energia che può essere assunta dalle fonti dietetiche. Lo sviluppo della mammella, a fine gravidanza, è regolato da diversi ormoni, in particolare estrogeni, progesterone, ormone della crescita, lattogeni placentari, prolattina, mentre nel controllo della lattogenesi sono implicati, oltre agli ormoni suddetti, anche l’insulina, il cortisolo e gli ormoni tiroidei. L’inizio della lattazione comporta un imponente consumo di glucosio, indispensabile per la sintesi del lattosio del latte. La concentrazione di glucosio nel secreto mammario è di 4.6 mg/dl, mentre la normoglicemia nella bovina è di 50 3

Anteprima della Tesi di Sara Galletti

Anteprima della tesi: Somministrazione di due antiossidanti naturali alla bovina nel periparto: effetti sui parametri quali-quantitativi del latte e sullo stato ossidativo del siero, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina Veterinaria

Autore: Sara Galletti Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2177 click dal 03/03/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.