Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vita, morte e ''miracoli'' dell'Economia e del (sotto) Sviluppo in Campania-1860/2004

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 ISTAT Campani i più poveri, ma il Sud recupera terreno rispetto al Nord Emilia-Romagna la regione più ricca. Il Mezzogiorno ha registrato una crescita più sostenuta del reddito disponibile. Ma il gap con i più ricchi resta dell'84% ROMA - È in Emilia-Romagna che vivono gli italiani più ricchi, in Campania quelli più poveri: il reddito procapite disponibile della più ricca regione italiana supera infatti i 17 mila euro contro i 9.800 del regione fanalino di coda. Dati che emergono da una ricerca Istat: tra il '95 e il 2002 il reddito disponibile delle famiglie si è concentrato per circa il 53% al Nord, per circa il 26% al Mezzogiorno e per il restante 21% al Centro. La ricchezza resta quindi raccolta nelle regioni settentrionali, ma c'è da registrare che nei 7 anni presi in esame hanno perso un punto percentuale a vantaggio di quelle meridionali. Il Sud rosicchia quote, mentre le regioni centrali restano sostanzialmente stabili nel periodo. IL REDDITO DISPONIBILE - Rispetto a un incremento medio nazionale del 28% dal 1995 al 2002, il Mezzogiorno ha registrato la crescita più sostenuta (31,6%), mentre quella più debole si riscontra nelle regioni del Nord Ovest (25,3% in sette anni). Molise, Campania e Sardegna fanno segnare i tassi di crescita più elevati (rispettivamente 35,1%, 34,6% e 34,2%) Il Piemonte è invece la regione con la crescita più bassa (22,1%). Il gap tra famiglie del Nord-Ovest e quelle meridionali resta comunque nel 2002 dell'84%. AL SUD PIÙ IMPOSTE MA MENO PRESTAZIONI SOCIALI - Le imposte correnti hanno subito in 7 anni un aumento del 37,7% a livello nazionale, e i contributi sociali del 15,3%, contro un aumento del 38,8% delle prestazioni sociali. Il Mezzogiorno è l'area in cui l'aumento di imposte e contributi sociali risulta più marcato e al di sopra della media nazionale (rispettivamente 48,8% e 22,8%). L'aumento più contenuto si verifica nel Nord-ovest, dove le imposte crescono del 31,4% ed i contributi sociali del 18,1%. Dal 1995 al 2002 è quindi cresciuta la quota di gettito fiscale e contributivo pagata dalle regioni meridionali rispetto al totale nazionale (dal 21,3 al 22,2%), mentre diminuisce l'apporto delle regioni nord-occidentali (dal 34,8 al 33,9%). Il Mezzogiorno registra, invece, il più basso tasso di crescita delle prestazioni sociali ricevute (37,2%), che crescono in maggior misura nel Centro (40,5%). LOMBARDIA E LAZIO PIÙ TARTASSATE DAL FISCO - La pressione fiscale più elevata è quella del Nord e la più bassa quella del Mezzogiorno: in particolare la Lombardia e il Lazio sono le regioni che registrano i valori più alti, la prima passando dal 14,7% nel 1995 al 15,3% nel 2002 e la seconda dal 14% del 1995 al 15,2% del 2002. La Calabria, invece, registra la pressione fiscale più bassa (passando dall'8,8% al 10,5%). Tuttavia la forbice tra Nord e Sud va gradualmente riducendosi, proprio a seguito della diversa dinamica delle imposte: la distanza era, infatti, di 4 punti nel 1995 e si è ridotta a 3,4 nel 2002

Anteprima della Tesi di Marina Salvadore

Anteprima della tesi: Vita, morte e ''miracoli'' dell'Economia e del (sotto) Sviluppo in Campania-1860/2004, Pagina 10

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Marina Salvadore Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1521 click dal 28/04/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.