Skip to content

Vita, morte e ''miracoli'' dell'Economia e del (sotto) Sviluppo in Campania-1860/2004

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
17 CIVILTA' del Sud fu volutamente occultata. Giustamente, Lei sproloquia i soliti luoghi comuni sulla demoralizzata Sicilia perché - come e quanto gli stessi meridionali - a scuola Lei ha studiato sui medesimi libri inneggianti ai Padri della Patria, ma appare impossibile, oggigiorno, dopo il processo revisionistico della storia proibita ante-Italia, non prendere coscienza di pillole di verità, ben supportate dalle fonti, per cui questo continuo riciclo di frasi fatte non onora chi le profferisce. Sarebbe come dire che i genovesi sono TUTTI avari; i napoletani TUTTI assistiti, i siciliani TUTTI mafiosi, i palestinesi TUTTI ter-roristi… e via di seguito. Un po' di informazione non guasta; quindi, se manca dei rudimenti della Storia italica, generosa-mente glieli fornisco. Un celebre saggio dello studioso inglese David Abulafia - e, sottolineo "inglese" - tratta appunto della superiorità del Sud nel periodo da questi preso in esame ovvero fra il 1200 ed il 1300 (Abulafia ha scritto opere ineguagliabili sui Regni del Mediterraneo; notevole è il suo saggio su Federico II meglio conosciuto come Stupor Mundi, ne ha mai sentito parlare, signore? Egli, sostiene che il Sud era molto ricco, produceva ampie quantità di cibo, indispensabili per la sopravvivenza delle regioni settentrionali. I mercanti del Nord dovevano scendere in Sicilia o in Campania per fornirsi non solo di generi alimentari ma anche di cotone e di seta. Sotto gli Svevi, gli Angiò e gli Aragona, il Mezzogiorno era dunque prospero e RICCO e lei può misurare la bontà del grado di civilizzazione del Sud, semplicemente verificando l'ingente produzione di arte e cultura di quel territorio in quell'epoca : un popolo lacero, triste ed affamato - quale sarebbe nella visione di certi nordisti pasciutisi di luoghi comuni - non farebbe filosofia, musica, teatro, Arte, poiché queste sono peculiarità di popoli che vivono sereni e che non sono costretti ad impigrire lo spirito per via dello stomaco vuoto ma che, in virtù di una buona qualità della vita possono spaziare anche nell'estetica Se esiste IL TEATRO, per esempio, lo si deve al cinquecentesco BasiIe, napoletano (Ha presente? "Lo cunto de li cunti")...Se esiste la musica, l'opera, lo si deve forse a Napoli con tutti i suoi conservatori; Napoli che nel '700 era LA REGINA dell'OPERA!!!!!! Le Due Siciliae, Nazione ch'è stata autodeterminata ed indipendente per circa 8 secoli, senza MAI modificare i suoi confini, è morta stuprata, oltraggiata, spogliata dai piemontardi savojardi, nel 1860. Oh! Lo so, lo so, adesso Lei penserà che gli "oscurantisti" Borbone ne decretarono la fine (chissà su quanti libri di scuola l'ha letto, dalle elementari all'Università)...
Anteprima della tesi: Vita, morte e ''miracoli'' dell'Economia e del (sotto) Sviluppo in Campania-1860/2004, Pagina 13

Preview dalla tesi:

Vita, morte e ''miracoli'' dell'Economia e del (sotto) Sviluppo in Campania-1860/2004

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marina Salvadore
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in approfondimento storico tesi della D.R.E. Campania ''L'economia e lo sviluppo in Campania nel 2003
Anno: 2004
Docente/Relatore: Marina Salvadore
Istituito da: per la P.A. Agenzia delle Entrate D.R.E. Campania
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

banche del sud
cassa del mezzogiorno
continentalizzazione e colonizzazione del sud
due sicilie
economia e sviluppo in campania
meridionalismo
mezzogiorno
primati borbonici
questione meridionale
risorgimento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi