Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'iniziativa comunitaria Leader plus: nuovi approcci di sviluppo rurale integrati e sostenibili. Misura 1.8 (P.O.R. Sardegna Ob. 1): formazione per la gestione delle risorse naturali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 importante sottolineare l’innalzamento dei livelli di scolarità in particolare tra le giovani donne. Di fatto permane nell’isola una situazione di profondo disagio dato da un processo di scolarizzazione largamente incompiuto, relativamente all’esistenza di forme di analfabetismo strutturale e funzionale. Le persone che raggiungono un livello d’istruzione medio-superiore e universitario sono una quota modesta. L’assenza di una connessione tra il sistema dell’istruzione e quello della formazione professionale e tra istruzione e mondo del lavoro crea sicuramente nelle persone, uno stato di demotivazione verso il valore dell’istruzione stesso. La scarsa valorizzazione del capitale umano qualificato, soprattutto nel settore dei servizi, e la bassissima capacità di assorbimento di capitale umano da parte delle aziende manifatturiere e di servizi, rappresenta uno dei principali fattori di debolezza del sistema socio economico sardo. Nell’ambito del mercato del lavoro e considerando il tasso di attività (misura sintetica dell’offerta di lavoro) relativamente al tasso di occupazione per il quale in Sardegna su quattro persone lavorano solo 1,7, è possibile affermare che la percentuale di disoccupazione, negli ultimi due anni, ha subito in valori assoluti un ulteriore aumento. Nel 2000 i disoccupati censiti si contavano in 142 mila unità. La struttura produttiva sarda, in linea con quella del Mezzogiorno, è caratterizzata dalla perdita di efficienza e competitività rispetto all’economia italiana che comunque ha registrato un tasso di crescita inferiore rispetto alla media dell’U.E. nel periodo 1994/1999. Nell’Isola il settore agricolo non mostra segni di decollo, così anche il settore industriale e artigianale caratterizzato dalla prevalenza di micro-imprese. Osservare il grado di specializzazione della produzione, che costituisce un indicatore di competitività, permette di rilevare che la Sardegna rispetto all’Italia, risulta stabilmente specializzata nell’industria chimica, nei prodotti in plastica e debolmente specializzata nel comparto alimentare e nei derivati da carbone e petrolio. “Le uniche attività legate alle risorse locali e a precisi riferimenti del territorio regionale riguardano l’estrazione e parziale lavorazione del granito, il taglio del sughero, la tessitura e le produzioni lattiero casearie” 7 . 7 Cfr. Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio, Programma di Iniziativa Comunitaria Leader+ Sardegna, (approvato dalla Giunta Regionale con delibera n.487/23 del 28 novembre 2000), Comunicazione U.E. 2000/C 139-05, dicembre 2001.

Anteprima della Tesi di Fabian Volti

Anteprima della tesi: L'iniziativa comunitaria Leader plus: nuovi approcci di sviluppo rurale integrati e sostenibili. Misura 1.8 (P.O.R. Sardegna Ob. 1): formazione per la gestione delle risorse naturali, Pagina 5

Tesi di Master

Autore: Fabian Volti Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1764 click dal 18/03/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.