Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto di ampliamento della Sede del Consorzio Idrico di Nuoro con Analisi tecnico-energetica dell'involucro dell’edificio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1 Uffici tradizionali e nuovi modelli 8 troppo grandi, oppure possono lavorare in spazi cellulari e condividere le esperienze fatte in spazi di condivisione opportunamente progettati; 3) Domani – Reti di lavoro: viene a mancare totalmente la gerarchia, e ogni individuo è essenziale al compimento del lavoro. E’ fondamentale la comunicazione fra individui: in questa terza fase ipotizzabile potrebbe anche non esserci bisogno di un ufficio inteso come sede fisica, ma potrebbero bastare tanti individui sparsi per il mondo e uniti tramite la rete del Web. Di fronte ad una schematizzazione di questo tipo, che pare voglia togliere via via importanza alla fisicità dei rapporti umani, diventa fondamentale sottolineare l’esigenza di preservare ambienti familiari, anche di fronte all’incalzare di nuove organizzazioni interne all’ufficio, per scongiurare il pericolo di una spersonalizzazione degli spazi ed una conseguente alienazione degli individui che vi lavorano. La tentazione di sfuggire dall’ufficio per lavorare in casa o altrove è incoraggiata dal fatto che ormai l’informazione non corre esclusivamente su supporto cartaceo, ma su fili di rame o su tubicini luminosi: per un ufficio l’esigenza dominante sia dal punto di vista distributivo che dal punto di vista strutturale, è quella di dover conservare e catalogare documenti e pratiche. Gli archivi sono il baricentro funzionale degli uffici, poichè da essi si attingono le informazioni necessarie per svolgere il lavoro, e in essi si riversano tutte le pratiche prodotte. Di solito veniva fatta una distinzione fra archivio vivo, di frequente accesso e posto in posizione baricentrica, e archivio morto, colmo di scartoffie e relegato agli scantinati. Oggi questa distinzione è priva di significato: l’archiviazione su database è più veloce, più pratica, e non richiede accorgimenti strutturali particolari, per via della leggerezza del supporto magnetico. Non è più necessario realizzare solai sovradimensionati rispetto al resto dell’edificio, e venendo meno questa variabile strutturale, risulta molto più facile perseguire l’obiettivo della flessibilità dell’organismo edilizio.

Anteprima della Tesi di Andrea Costa

Anteprima della tesi: Progetto di ampliamento della Sede del Consorzio Idrico di Nuoro con Analisi tecnico-energetica dell'involucro dell’edificio, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Andrea Costa Contatta »

Composta da 363 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 941 click dal 20/06/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.