Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto di capannoni industriali in zona sismica secondo nuova normativa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Progetto di capannoni industriali in zona sismica Capitolo Primo POLITECNICO DI TORINO 11 Alcune delle principali novità possono individuarsi nei seguenti punti: ¾ Abbandono definitivo del metodo di verifica alle "Tensioni Ammissibili", in favore del metodo agli "Stati Limite"; ¾ Nuova classificazione sismica di tutti i comuni italiani con l'introduzione della 4a categoria sismica che ricomprende come zona a bassa sismicità tutti i comuni sino ad oggi ricadenti in zona sismica. Ciò significa che tutto il territorio nazionale è dichiarato sismico (secondo varie categorie) e dovrà sempre effettuarsi un calcolo che tenga conto di eventuali azioni orizzontali di natura sismica. ¾ Le nuove norme hanno un'impostazione molto moderna ispirata alle più avanzate norme sismiche oggi esistenti (Eurocodice 8 e Norme ACI). Tali norme, che pongono particolare enfasi sul concetto di duttilità, recepiscono le indicazioni, fino ad oggi facoltative, della Circolare del 10/04/1997. ¾ Viene introdotto il concetto di Stato Limite del Danno al fine di assicurare che le costruzioni non solo sopportino sismi distruttivi senza collassare, ma che per sismi con tempi di ritorno inferiori (dell'ordine della durata della vita della struttura stessa) non si verifichi danno alcuno alle parti non strutturali (impianti, tamponature, ecc..). ¾ Viene sostituito il diagramma dello spettro di risposta attualmente vigente. ¾ Le norme attuali continueranno ad essere valide ancora per 18 mesi dalla entrata in vigore delle nuove norme. ¾ Le norme comprendono una parte dedicata agli interventi da effettuarsi su edifici esistenti. ¾ Le norme prevedono che entro 5 anni dalla data di approvazione dell'ordinanza (20/03/2003) tutti gli edifici di interesse strategico e tutte le opere infrastrutturali che possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un eventuale collasso devono essere sottoposte a verifica con le nuove norme.

Anteprima della Tesi di Dante Raffele

Anteprima della tesi: Progetto di capannoni industriali in zona sismica secondo nuova normativa, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Dante Raffele Contatta »

Composta da 358 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9906 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.