Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto di capannoni industriali in zona sismica secondo nuova normativa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Progetto di capannoni industriali in zona sismica Capitolo Primo POLITECNICO DI TORINO 6 1.2. Vecchia classificazione sismica La normativa precedente sulle costruzioni in zona sismica (D.M. LLPP 16 gennaio 1996, L. 2 febbraio 1974 n. 64) suddivideva il territorio nazionale, dal punto di vista sismico, in “zone classificate” e in “zone non classificate”, dando l’impressione (erronea) che esistessero “zone sismiche” e “zone non sismiche”. La classificazione del D.M. era a macchia di leopardo, essendo formata da zone sismiche delimitate da confini comunali, esigenza questa dettata da ragioni puramente amministrative e di praticità (Figura 1). Figura 1 zona di I categoria zona di II categoria zona di III categoria zona non classificata Nella realtà questa classificazione non coglieva l’aspetto fisico del fenomeno perché quando si verifica un terremoto la sua influenza non è limitata a una zona ben definita. Il sisma infatti è un fenomeno di propagazione ondosa, che ha una distribuzione sul territorio molto vasta e diffusa. L’intensità sismica

Anteprima della Tesi di Dante Raffele

Anteprima della tesi: Progetto di capannoni industriali in zona sismica secondo nuova normativa, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Dante Raffele Contatta »

Composta da 358 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9907 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.