Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il piacere della lettura: evocazioni letterarie e vocazione musicale. La narrativa di Alessandro Baricco

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 Altrove la serie di puntini serve a mimare il parlato di un malato che tenta di congedarsi dal signor Rail lasciandogli in eredità la sua sapienza di vecchio: Tutte le bocce di cristallo che avrai rotto erano solo vita… non sono quelli gli errori… quella è vita… e la vita vera magari è proprio quella che si spacca, quella vita su cento che alla fine si spacca…….. io questo l’ho capito[…] 11 . A livello sintattico uno degli espedienti più usati per rendere la mimesi dei procedimenti orali è l’iterazione nelle sue diverse applicazioni; “[…] Vede ci sono ovviamente dei problemi a costruire una simile immensa… chiamiamola cattedrale di vetro. Problemi strutturali ed economici” 12 . In questo caso si assiste ad un particolare fenomeno di anadiplosi per cui il lessema problemi, che compare nel mezzo del primo segmento del discorso, ricompare anche nella prima parte del segmento successivo. Ciò serve “[…] a chi ascolta per collegare più facilmente ciò che è stato detto prima a ciò che verrà dopo” 13 , mentre a chi parla serve a tematizzare un elemento riprendendolo anche nell’enunciato successivo. Nel seguente passo abbiamo alcuni esempi di ripetizione a ciclo (epanadiplosi), per cui la parola con cui si inizia l’enunciato viene ripetuta alla fine dell’enunciato stesso: […] - Arriverà… da qualche parte arriverà, in una città magari, arriverà in una città. - In che città? - In una città, una città qualunque, andrà sempre dritto e alla fine troverà una città, no? […] - E’ un treno, Jun, è solo un treno. 14 Spesso viene usata l’anafora: Son finito qui perché è successo così. Non c’è nessun’altra ragione. Son finito qui come un bottone in un’asola, e ci son rimasto. […] E’ così che sono finito qui. 15 ; 11 Ivi, p. 135. 12 Ivi, p. 152; salvo diverse indicazioni, in queste, come nelle prossime citazioni, i corsivi sono miei. 13 BICE MORTARA, GARAVELLI, Le Figure Retoriche, Milano, Rizzoli, 1993, 1995, p. 160. 14 Op. cit., p. 113. 15 Ivi, p. 127.

Anteprima della Tesi di Michela Mosole

Anteprima della tesi: Il piacere della lettura: evocazioni letterarie e vocazione musicale. La narrativa di Alessandro Baricco, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Michela Mosole Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7712 click dal 07/03/2005.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.