Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Memorie d'isola. Abitanti, turisti e confinati a Ponza.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

V La prospettiva dello studio è quella di un outsider, che approccia per la prima volta questo luogo, senza averne avuto esperienza precedente, portando con sé solo la ‘precomprensione’ e la volontà di lasciare che lo sguardo sia stimolato dalle percezioni e che la riflessione sorga dalle impressioni. La conoscenza dello spazio fisico dell’isola avviene in piena autonomia, con il supporto esclusivo dello strumento cartografico, come vera e propria esplorazione di una terra incognita. Ciò è possibile cercando il contatto più diretto con la natura ed i manufatti umani, attraverso lunghe passeggiate, che aiutino a “cogliere tutto ciò che il paesaggio emana come segno del dinamismo che lo percorre” (Turri, 1998, p. 187). La passeggiata, come sostiene Turri (1998), non è solo un movimento nello spazio, ma è anche un movimento nel tempo (storico, geologico, sociale) e comporta una partecipazione intellettuale, sentimentale e fisica che consente di attraversare il territorio interrogandosi sul senso di ogni segno incontrato. Un altro strumento essenziale per penetrare più a fondo un territorio è l’incontro con i suoi abitanti, per comprendere quale rapporto abbiano con il loro spazio di vita quotidiano, se posseggano tratti peculiari e quali contribuiscano a dare forma all’isola, come rappresentino se stessi e la loro terra, quale grado di chiusura o apertura dimostrino, se costituiscano una comunità. Inoltre, isolani di varie fasce d’età testimoniano i cambiamenti intervenuti sull’isola, poiché nelle persone si riconoscono e verificano le trasformazioni culturali, sociali ed economiche. Questa osservazione intende mettere in luce l’incidenza della dimensione insulare sulla ricezione degli input che hanno poi suscitato i cambiamenti. Una particolare raffigurazione dell’isola emerge dalle mappe mentali elaborate dai bambini di V elementare, cui viene chiesto di raccontare e disegnare la loro Ponza.

Anteprima della Tesi di Chiara Poeta

Anteprima della tesi: Memorie d'isola. Abitanti, turisti e confinati a Ponza., Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Chiara Poeta Contatta »

Composta da 291 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1484 click dal 12/05/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.