Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Impianti di collettamento e depurazione del Lago di Garda - Aspetti tecnici, economici e ambientali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Tra i grandi laghi del distretto lacustre sudalpino il Garda presenta la superficie più estesa ed il maggior volume. Di enorme interesse per il paesaggio, il clima mite e la particolare conformazione geografica, tra la catena prealpina e la pianura Padana, esso rappresenta un’importante risorsa turistica dei comuni rivieraschi. I parametri di valutazione della qualità delle acque Malgrado la sua importanza, sia come risorsa naturale che economica, il Benaco è stato tuttavia uno dei bacini tra i meno studiati dal punto di vista limnologico, in particolare per quanto riguarda le sue componenti biologiche. Tra i motivi di questo scarso interesse vi era la convinzione, radicata in non pochi amministratori, che il Lago di Garda potesse rimanere un’eccezione nell’ambito del generale peggioramento delle condizioni trofiche rilevato in quasi tutti i grandi bacini europei. Per lungo tempo ciò ha scoraggiato, di fatto, ricerche di carattere conoscitivo ed applicativo (Salmaso N. e Cordella P., 1994). Seguendo la classificazione delle acque destinate alla produzione di acqua potabile, secondo il DPR 515/82, abbiamo un’idea di come le acque del Garda possano ancora essere considerate fra le migliori dal punto di vista della qualità, soprattutto per quanto riguarda i parametri chimici. Nella categoria A1 rientrano le risorse idriche superficiali di buona qualità per la cui potabilizzazione è sufficiente un trattamento fisico semplice (ad es. filtrazione su sabbia) e la disinfezione finale (ad es. con biossido di cloro). Tale trattamento risulta idoneo all’abbattimento della carica batterica, quando modesta, e all’eliminazione della torbidità, ma è inefficace nella depurazione degli inquinanti di tipo chimico. Sulla base dei controlli effettuati fino al 1989 nessuna delle acque superficiali del Veneto, destinate alla produzione di acqua potabile, può essere assegnata a tale categoria, fatta eccezione per alcune situazioni localizzate specialmente sul Lago di Garda.

Anteprima della Tesi di Stefano Testa

Anteprima della tesi: Impianti di collettamento e depurazione del Lago di Garda - Aspetti tecnici, economici e ambientali, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Testa Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2143 click dal 08/03/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.