Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Eugenetica e politica nella prima metà del XX secolo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

31 Una scienza nuova: l’eugenetica (1890-1914) Radici filosofiche profonde "Eugenics is the study of agencies under social control that may improve or impair the racial qualities of future generations either phisically or mentally" 2 , così nel luglio del 1904 Francis Galton, biologo, antropologo e psicologo, cugino di Charles Darwin, in un articolo sull'American Journal of Sociology dava la prima definizione ufficiale di una “nuova scienza”, la scienza del “razionale allevamento umano”. Questa “novità” in realtà aveva ben poco di nuovo, almeno nei preupposti e negli scopi: da sempre i filosofi, gli scienziati, gli intellettuali e gli statisti avevano accarezzato l’idea che l’umanità, usando la ragione, avrebbe potuto produrre “generazioni future perfette” fisicamente e moralmente. In Platone ad esempio, per la prima volta l’eugenetica viene indicata come strumento forte nelle mani dello Stato. E anche se la “Repubblica” è pur sempre un’utopia, fa riflettere il modo in cui il filosofo immagina di poter realizzare quesrta utopia; con mezzi assolutamente sbrigativi: omicidio e segretezza. «Se dobbiamo tener conto – risposi – di ciò che abbiamo già ammesso, conviene che gli uomini migliori si accoppino con le donne migliori il più spesso possibile e che, al con- trario, i peggiori si uniscano con le peggiori, meno che si può; e se si vuole che il gregge sia veramente di razza occorre che i nati dai primi vengano allevati; non invece quelli degli altri. E questa trama, nel suo complesso, deve essere tenuta all’oscuro di tutti, tranne che dei reggitori, se si desidera che il gruppo dei guardiani sia per lo più al sicuro da sedizioni». (Repubblica, V, trad. G. Reale) Il dovere di “ben generare” per Platone è componente fondamentale dello Stato filosoficamente retto: nelle “Leggi”, il filosofo abbandona l’eugenica mediante eutanasia ma chiede allo Stato di emanare leggi rigorose contro l’immoralità e il disordine sessuale (libro VIII). E soprattutto – con parole sorprendentemente anticipatrici, ritiene si possano legare strettamente vizio e degenerazione fisica: 2 G. Perondi, Origine storia e scopi dell'eugenica, in “Difesa Sociale”, settembre 1933

Anteprima della Tesi di Massimo Ciceri

Anteprima della tesi: Eugenetica e politica nella prima metà del XX secolo, Pagina 3

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Massimo Ciceri Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5346 click dal 09/03/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.