Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Commissione preparatoria della Corte penale internazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 2. Introduzione generale sul testo delle Regole di procedura e di prova Il testo sulle Regole di procedura e di prova è composto da 225 articoli suddivisi in 12 capitoli. Tali Regole hanno lo scopo di rendere operative le norme contenute dal capitolo 2 al capitolo 10 dello Statuto della Corte, con l’eccezione delle norme sulla definizione dei crimini, in quanto oggetto del testo sugli Elementi dei crimini. Benché le Regole non seguano esattamente la medesima struttura dello Statuto, esse sono ordinate in maniera logica, per facilitarne l’uso e la comprensione. Riguardano un insieme di questioni molto ampie, come l’amministrazione e la composizione della Corte, la competenza e l’ammissibilità, le disposizioni applicabili alle diverse fasi del procedimento e, ancora, il processo, le pene, l’appello e la revisione. Di particolare interesse è la struttura del capitolo 4, sulle disposizioni applicabili alle diverse fasi del procedimento, perché raggruppa le regole relative al procedimento penale. Si compone di quattro sezioni e riunisce nelle sezioni 1 e 2 le regole di natura probatoria e nella sezione 3 le regole relative alle vittime e ai testimoni. Tuttavia, sia le Regole di procedura che le Regole probatorie erano già state oggetto di disposizioni nell’ambito dello Statuto di Roma, non solo sotto forma di principi generali, ma anche di articoli dettagliati che specificavano tali principi con più esattezza. La Commissione si è dovuta occupare delle questioni la cui disciplina era stata espressamente rinviata dallo Statuto alle Regole, tra cui: le condizioni per l’intervento delle vittime nel procedimento (art. 15, par. 3), motivi di esclusione della responsabilità penale non esplicitamente contemplati nello Statuto (art. 31, par. 3), disposizioni relative alle prove (art. 69), disposizioni relative alla procedura per l’appello contro la sentenza di condanna o la determinazione della pena (art. 81, par. 1). Inoltre, nessuna disposizione statutaria escludeva che le Regole si occupassero anche di altre questioni 3 . 3 SCHABAS W. A., Follow up to Rome: Preparing for Entry Into Force of the International Criminal Court Statute, in Human Rights Law Journal, 1999, p. 162.

Anteprima della Tesi di Daniele Panfilo

Anteprima della tesi: La Commissione preparatoria della Corte penale internazionale, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Daniele Panfilo Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2708 click dal 09/03/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.