Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Commissione preparatoria della Corte penale internazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 3. Le Regole di procedura 3.1. Gli interventi più incisivi realizzati dalla Commissione preparatoria nel campo della procedura La stesura delle regole di procedura ha richiesto, da parte dei membri delle delegazioni presenti ai lavori della Commissione preparatoria, un lavoro complesso. Gli interventi più incisivi realizzati nel campo della procedura sono il risultato di negoziati caratterizzati da problematiche di non facile soluzione. La questione delle lingue ufficiali e delle lingue di lavoro costituisce spesso una fonte di tensione nel corso di conferenze intergovernative, in quanto funge da catalizzatore dell’insofferenza diffusa nei confronti di forti egemonie culturali che riflettono, a loro volta, egemonie politiche. Le delegazioni degli Stati, le cui lingue non erano state incluse tra le lingue ufficiali o di lavoro nello Statuto di Roma, non hanno mancato di avanzare le loro rivendicazioni durante i lavori della Commissione preparatoria 11 . L’art. 50 dello Statuto della Corte prevede che una lingua ufficiale (ossia l’inglese, l’arabo, il cinese, lo spagnolo, il francese ed il russo) diversa dal francese e dall’inglese, le due lingue di lavoro della Corte, possa essere usata come lingua di lavoro. Il compito della Commissione preparatoria è stato stabilire in quali occasioni ciò potesse avvenire. Le forti pressioni delle delegazioni di lingua spagnola hanno portato alla regola 41, in base alla quale una lingua ufficiale, diversa dal francese e dall’inglese, può essere usata, se è compresa dalla maggioranza di coloro che sono coinvolti nel caso specifico, oppure se il Procuratore e la difesa ne fanno apposita richiesta. La normativa sulle vittime ha rappresentato una delle questioni più significative affrontate in merito alle regole di procedura. 11 FANCHIOTTI V., Completata la stesura delle Rules of Procedure and Evidence: I), cit., p. 1270.

Anteprima della Tesi di Daniele Panfilo

Anteprima della tesi: La Commissione preparatoria della Corte penale internazionale, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Daniele Panfilo Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2708 click dal 09/03/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.