Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo Status di Rifugiato nell'Unione Europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 1.2 Il diritto d’asilo politico: l’innovazione della rivoluzione francese. Con lo svilupparsi degli stati nazionali sovrani, entità ben precise, delimitate le une dalle altre ed ognuna esercitante autorità sul suo territorio e su tutto ciò che si trova al suo interno, persone comprese, il significato del diritto d’asilo muta radicalmente. Esso diventa infatti uno strumento per proclamare e ribadire l’identità dello stato: è vero infatti che il diritto è originariamente proprio dell’individuo, ma esso trasla nel tempo, per diventare un diritto esclusivo dello stato, che può infatti concederlo o meno. La prima manifestazione codificata del diritto d’asilo laico si ritrova in occasione della rivoluzione francese. Nel periodo rivoluzionario, come è noto, regnavano gli ideali liberali; i rivoluzionari si ponevano infatti come obiettivo quello di limitare il potere affinché ognuno potesse godere appieno delle proprie libertà. In questo contesto troviamo l’embrione del moderno concetto d’asilo: nel testo della costituzione repubblicana del 1793, tuttavia mai entrata in vigore, leggiamo infatti, all’articolo 120 che il popolo francese “dà asilo agli stranieri banditi dalla loro patria per la causa della libertà, e non ai tiranni” 16 . Da questa affermazione emerge chiaramente il cambiamento subito dall’idea di asilo: innanzi tutto esso non è più limitato ad un luogo specifico, ma si estende a tutto il territorio nazionale, inoltre si restringe notevolmente il dominio di applicazione dello stesso, specificando in modo inequivocabile a chi esso sia diretto: si rivolge infatti ai soggetti che fuggono dalla loro patria “per la causa della libertà”, non più quindi a chiunque, e specialmente non più ai criminali. E’ evidente quindi, pensando con l’ottica del giorno d’oggi, che anche i migranti economici sono esclusi dal poterne godere. Chi può avere diritto alla protezione del popolo, e dunque dello Stato, francese è solo colui che è perseguito ingiustamente in seguito alla sua azione politica in difesa della libertà 17 . 16 Articolo 120 della Costituzione francese del 1973; vedere anche Philippe Ségur, (1998), op. cit., 89; François Crépeau, (1995), op. cit., 41-45. 17 Philippe Ségur, (1998), op. cit., 96.

Anteprima della Tesi di Claudia Bonamini

Anteprima della tesi: Lo Status di Rifugiato nell'Unione Europea, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Claudia Bonamini Contatta »

Composta da 244 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7225 click dal 09/03/2005.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.