Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo Status di Rifugiato nell'Unione Europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 1.1 Il diritto d’asilo nell’antichità e nel Medioevo: il diritto d’asilo religioso. L’istituto dell’asilo, come abbiamo detto, ha radici molto profonde ed antiche: la parola deriva dall’aggettivo greco asulos ( ∆ ς Ξ Ο Ρ ς), che indica ciò a cui non può essere fatta violenza, quindi ciò che è inviolabile, e dal sostantivo asulon ( ∆ ς Ξ Ο Ρ Θ), che significa inviolabilità d’asilo 7 . Il latino asylum designa ancora più specificamente il concetto: indica infatti un luogo inviolabile, un rifugio. 8 Le due caratteristiche del diritto d’asilo erano dunque nell’antichità la sacralità del luogo e la sua inviolabilità. In tutte le culture il concetto di asilo fu sempre associato primariamente ai luoghi di culto, anche se non solo ad essi, infatti nelle diverse epoche anche luoghi naturali, che per le particolari caratteristiche venivano associati alla presenza divina, furono a loro volta considerati inviolabili. 9 Ciò che rende l’asilo religioso sostanzialmente diverso da quello laico è il fatto che nel primo caso la sacralità e l’inviolabilità del luogo sono attribuite alla volontà divina, volontà suprema, ultraterrena e alla quale evidentemente non ci si può opporre. Per questo motivo risulta, dunque, impossibile pensare di far prevalere la legge degli uomini alla legge degli dei o di Dio, presso la quale l’individuo ha trovato protezione contro la giustizia, o ingiustizia, umana. L’asilo laici è, invece, come si vedrà, una concessione dello stato sovrano, e quindi piena espressione delle leggi umane. L’asilo, nell’antichità, è ben delimitato al luogo sacro in questione: solo, infatti, all’interno del tempio o in prossimità del luogo naturale considerato sacro è possibile godere della protezione, ma una volta allontanatisi, essa viene meno. 10 L’asilo cristiano, che appare nel IV secolo d.C., mantiene naturalmente le caratteristiche dell’asilo religioso pagano, ma vi si differenzia enormemente, se non nella pratica, bensì nelle ragioni che vi sottendono, al punto tale che gli autori 7 Lorenzo Rocci, Vocabolario Greco-Italiano; vedere anche Philippe Ségur, La crise du droit d’asile, (1998), 3-4, François Crépeau; Droit d’asile –de l’hospitalité aux contrôles migratoires, (1995), 29-34. 8 Luigi Castiglioni, Scevola Mariotti, Vocabolario della Lingua Latina, (1990). Il concetto di asilo era inoltre presente anche nella tradizione ebraica, vedere Philippe Ségur, (1998), op. cit., 10-11; François Crépeau, (1995), op. cit., 30-31. 9 Philippe Ségur, (1998), op. cit., 16. 10 Ibidem, 27.

Anteprima della Tesi di Claudia Bonamini

Anteprima della tesi: Lo Status di Rifugiato nell'Unione Europea, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Claudia Bonamini Contatta »

Composta da 244 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7225 click dal 09/03/2005.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.