Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Relazioni pubbliche e vantaggio competitivo. I casi Diesel e Benetton

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

20 1.2. L’analisi del settore Il settore industriale in cui l’impresa opera va considerato l’ambiente di riferimento principale, che è indispensabile monitorare. Altri fattori a livello macro, come le tendenze generali dell’economia, i cambiamenti nella struttura demografica, gli orientamenti politici e sociali ed altri elementi che vanno a comporre lo scenario complessivo sono importanti per l’analisi strategica nella misura in cui si prevede che possano determinare mutamenti nella struttura attuale del settore e nelle minacce e opportunità future 11 . Un settore industriale è formato da un insieme di imprese che producono beni o servizi in concorrenza tra loro. Diversi settori hanno caratteristiche strutturali diverse, le quali hanno un’influenza sistematica sul livello di redditività medio delle imprese operanti nel settore. In altre parole, esistono settori la cui struttura è più favorevole e permette alle imprese, in genere, di ottenere profitti più elevati. Altri settori invece hanno una attrattività minore, in quanto i profitti delle imprese che vi operano sono generalmente più bassi. Lo schema più diffuso di classificazione e analisi delle caratteristiche strutturali del settore è il modello delle cinque forze competitive proposto da Porter 12 (fig. 1.2). Le cinque forze comprendono tre fonti di competizione orizzontale (minaccia di prodotti sostitutivi; minaccia di nuovi entranti; rivalità tra i concorrenti nel settore) e due fonti di competizione verticale (potere contrattuale dei clienti; potere contrattuale dei fornitori) in grado di mettere a rischio la capacità dell’azienda di creare valore e di impadronirsi dei profitti generati dalla sua attività. Ognuna di queste forze competitive può avere diversi gradi di intensità: in generale, maggior peso le cinque forze competitive hanno in un settore, minore è la redditività delle imprese che vi operano. 11 Grant R. M. (1999), pagg. 74-75. 12 Porter M. E. (1980), Competitive Strategy: Techniques for Analysing Industries and Competitors, The Free Press, New York; tr. it. (1982) La strategia competitive: analisi per le decisioni, Tip. Compositori, Bologna.

Anteprima della Tesi di Laura Peron

Anteprima della tesi: Relazioni pubbliche e vantaggio competitivo. I casi Diesel e Benetton, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Peron Contatta »

Composta da 374 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10787 click dal 09/03/2005.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.