Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di una comunità virtuale: il caso Extremelot

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 canali internazioni si usa l’acronimo <> cioè age (età), sex (sesso), place (luogo) per chiedere subito le tre informazioni reputate fondamentali per crearsi un’immagine dell’interlocutore e decidere quindi se continuare o meno l’interazione. In Italia si usa <>: se l’interlocutore nel rispondere ha suscitato interesse, si va avanti, chiedendo di hobbies e attività. Ovviamente, nessuno può mai verificare che le risposte corrispondano all’effettiva identità dell’utente né, nel caso corrispondessero, che l’immagine che l’intervistatore si fa del proprio interlocutore corrisponda a realtà. Questo problema è inesistente nelle comunità virtuali: le domande classiche non sono più rivolte alla persona, ma al personaggio. Su questo non si può barare, esistendo un avatar che dichiara esattamente le sue generalità e abilità. Per questo, prima di parlare con un nuovo interlocutore, si esamina la sua scheda, per capire che tipo di conversazione instaurare. Questa differenza spiazza l’utente che per la prima volta si avvicina ad una comunità virtuale dopo aver fatto esperienza di Chat: nessuno lo interroga, e i discorsi che legge gli appaiono a prima vista insensati. Inoltre, se decidesse di inserirsi, ma non lo facesse nel modo appropriato, verrebbe semplicemente ignorato dal gruppo, che prosegue nella sua conversazione. Per rimediare a questo sono state introdotte le Guide, ovvero utenti esperti che esprimono il loro ruolo all’interno della comunità aiutando i nuovi arrivati, spiegando loro le regole che devono seguire, chiarendo dubbi, mostrando disponibilità, aiutando insomma l’adattamento al nuovo mondo. Un’altra differenza riguarda la comunicazione una volta che la Chat è stata chiusa. Se si tratta di semplice Chat, l’unico modo di prendere contatto la persona con cui si è discorso fino a qualche istante prima è possedere il suo indirizzo email e scriverle. Diversamente, le comunità virtuali sono dotate di diversi sistemi di comunicazione asincrona interna, perciò è possibile scrivere all’utente ed egli troverà il messaggio alla sua successiva entrata, oppure appendere un messaggio nella bacheca pubblica, palesando a tutti i propri pensieri e sentimenti.

Anteprima della Tesi di Claudia Ambrosini

Anteprima della tesi: Analisi di una comunità virtuale: il caso Extremelot, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Claudia Ambrosini Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8821 click dal 10/03/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.