Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di una comunità virtuale: il caso Extremelot

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Molti MUD di ultima generazione prevedono inoltre la possibilità di creare ambienti ad hoc, ma in effetti tutto ciò che gli utenti fanno non è altro che manipolare e curiosare all’interno del medesimo database, comunicando tra di loro. Secondo la Turkle ciò rende i MUD <> 10 . Tra i vari tipi di MUD, possiamo distinguerne due generi: un primo, d’avventura, che ricorda molto i giochi da tavolo, è costruito su uno scenario fantastico d’ambientazione medievale, nel quale l’obiettivo consiste nell’accumulare punti mediante l’uccisione di mostri e draghi, il ritrovamento di monete d’oro, amuleti e altri tesoro. Il secondo, ovvero il MUD sociale o MOO, è uno spazio relativamente aperto dove si può dare libero sfogo all’immaginazione:collaborando con gli altri giocatori, si costruiscono mondi virtuali creando oggetti personali e ambienti architettonici (l’acronimo MOO sta per MUD Object Oriented). La comunicazione del MUD rispecchia le particolarità della Chat per quanto riguarda emoticons e abbreviazioni, ed è qui che si fa palese l’esistenza di un linguaggio parallelo: le parole del MUD diventano azioni, in quanto manipolatorie dello spazio esistenziale del MUD stesso. Siamo di fronte ad un nuovo tipo di linguaggio, <> 11 . Ancora <<…una scrittura del tutto nuova in cui, a meno che non sia stampata su carta, uno schermo pieno di sfarfallii rimpiazza immediatamente la schermata precedente>> 12 . Da un punto di vista psicologico, <> 13 . 10 S. Turkle, Life on the screen, New York 1996 [trad. it. a cura di Bernardo Parrella, La vita sullo schermo. Nuove identità e relazioni sociali nell’epoca di Internet, Apogeo, Milano 1997], p 18. 11 Ibidem, p. 78. 12 S. Turkle, Life on the screen, New York 1996 [trad. it. a cura di Bernardo Parrella, La vita sullo schermo. Nuove identità e relazioni sociali nell’epoca di Internet, Apogeo, Milano 1997], p 145. 13 Ibidem, p. 148.

Anteprima della Tesi di Claudia Ambrosini

Anteprima della tesi: Analisi di una comunità virtuale: il caso Extremelot, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Claudia Ambrosini Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8821 click dal 10/03/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.