Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La fiaba autoriflessiva: il cinema di Tim Burton

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 suspence. Il mistero viene svelato tre inquadrature dopo, con una dissolvenza incrociata che ci mostra, infine, il volto del protagonista dormiente. Il regista sceglie quindi una soluzione classica, servendosi del segno di interpunzione che ormai, nella grammatica filmica, viene utilizzato per identificare il sogno, specialmente quando la dissolvenza incrociata è seguita dal PPP del protagonista che dorme, come in questo caso. A posteriori notiamo come una lieve atmosfera onirica pervadesse la scena grazie anche all’atmosfera creata dalla colonna sonora e ad un moderato uso del ralenti in alcune inquadrature, ma solamente alla fine dell’incipit lo spettatore avrà la certezza che quello che ha visto è solo un sogno. 2) Aspetti tematici. Il contenuto del sogno che apre il nostro film è la proiezione mentale di una bambino troppo cresciuto, il sogno di un bici-maniaco: vincere il Tour de France. La rappresentazione della gara, però, non ha niente di realistico. La corsa si svolge in una strada di campagna delimitata da una staccionata bianca che ha ben poco del paesaggio francese, anzi “chiaramente non può che trovarsi nella California meridionale” 15 . Nonostante la staccionata sia costellata di bandiere francesi, chiunque abbia visto almeno una volta il Tour in televisione o abbia una vaga idea del paesaggio francese difficilmente può essere ingannato. Quella che vediamo non è la Francia, ma una fantasia, una rappresentazione mentale della Francia e del Tour come se li potrebbe immaginare un appassionato di sport che non vi è mai stato (e che è dotato di una vivace fantasia). Inoltre Pee-Wee supera un gruppo di corridori professionisti su bici da corsa superaccessoriate vestito nella stessa buffa “divisa” (completo grigio e farfallino rosso) che indosserà per tutto il resto del film e con un’enorme (e 15 Ken Hanke, Tim Burton. Una biografia non autorizzata, Torino, Lindau, 2001, p. 67

Anteprima della Tesi di Valentina D'amico

Anteprima della tesi: La fiaba autoriflessiva: il cinema di Tim Burton, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina D'amico Contatta »

Composta da 341 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15120 click dal 10/03/2005.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.