Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La pragmatica linguistica. Austin e Grice

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I.L'azione del linguaggio 9 mondo, che applicato al caso del linguaggio, significa una perfetta verificabilità degli enunciati linguistici . La tesi fondamentale, dunque, di questa dottrina era basata sul cosiddetto criterio di verificazione secondo cui una frase che non può essere ,in linea di principio , verificata è priva di significato. L’empirismo radicale dei neo – positivisti , che implica l’adozione di metodi di verifica degli enunciati, ha una sua fondamentale importanza in uno studio del linguaggio, poiché ci chiarifica, sotto alcuni punti di vista, lo sviluppo delle diverse correnti di linguistica. Le polemiche che presto si levarono contro le tesi del positivismo logico furono numerose, e se da un lato portarono allo sfaldamento del movimento , dall’altro diedero vita alla più generale corrente di filosofia analitica. E’ interessante anche citare , in questo contesto, la posizione assunta da Husserl, che pone le distanze tra un'espressione puramente teorica e verbale, e il “vivere” quella stessa espressione. Viene, dunque, superata la superficialità di Ogden e Richard, che riducono il significato ad un problema linguistico lessicale, e con la tesi husserliana il problema del significato è innanzitutto un problema di fenomenologia vissuta, che si traduce in espressione verbale. Ed è proprio l’espressione di “fenomenologia del linguaggio” che caratterizza l’analisi linguistica di Husserl, e il problema del vissuto riesce a trascinare il significato di una parola in un ambito più concreto, nell’ambito del linguaggio ordinario. In questo clima, tra gli anni ‘40/’50 , si maturò ad Oxford la reazione contro il significato generale delle parole, e l’interesse degli analisti inglesi si spostò sull’analisi del linguaggio ordinario e sul modo improprio con cui i filosofi hanno usato le parole comuni.

Anteprima della Tesi di Sabrina Titone

Anteprima della tesi: La pragmatica linguistica. Austin e Grice, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Sabrina Titone Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 36968 click dal 11/03/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.