Skip to content

Vantaggio competitivo, management e qualità

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 • la “concentrazione”, che riguarda sia l’addensarsi di risorse produttive ed energetiche nelle città, sia l’aspetto derivato dall’urbanesimo, dove nasce la specializzazione dell’area cittadina con spazi dedicati alla produzione, zone abitate dal proletariato, luoghi dedicati alla finanza e quartieri per l’alta borghesia; • la “massimizzazione”, intesa come chiave interpretativa del periodo industriale e sinonimo di efficienza, diviene l’indicatore simbolo del successo delle industrie; • la “centralizzazione”, da cui deriva la tendenza delle imprese di coordinare e organizzare le industrie attraverso un unico blocco di potere centrale. La peculiarità di Toffler sta proprio nella sua lettura della società industriale come la frattura tra la “prima” e la “terza ondata”; la “seconda ondata” è da lui definita come una parentesi nella storia, nella quale l’uomo ha accumulato le risorse e i beni. La “terza ondata” è, quindi, il distacco dal gigantismo, dalla concentrazione, dalla standardizzazione, 5 da tutto ciò che appartiene alla tradizione industriale e l’approdo, attraverso le conoscenze tecnologiche, alla riscoperta di una nuova figura del lavoratore, ad una cultura che gradualmente si demassifica e ad una maggiore affermazione delle istanze individuali. 6 La società industriale, così ben descritta da Toffler, viene superata dalla società postindustriale nella quale le risorse principali sembrano essere costituite dall’intelligenza e dall’informazione. I servizi e la produzione di beni immateriali prevalgono su quelli materiali. Aumentano quindi gli occupati nel settore del terziario, superando di numero quelli del secondario (nel 1956, infatti, i colletti bianchi superano i colletti blu). 7 Si assiste, inoltre, ad una destrutturazione del tempo e dello spazio, queste due dimensioni perdono il loro significato di vincolo. L’informazione, infatti, è rapidamente diffusa e distribuita dai moderni mezzi di comunicazione, grazie alle nuove tecnologie informatiche e telematiche. Al contempo, nel contesto aziendale, le imprese si orientano in strutture organizzative cosiddette “a matrice”, abbandonando il sistema di comando gerarchico costituito attorno ad un unico referente. Si creano sempre maggiori strutture a sistema multiplo di controllo a seconda dei singoli progetti di lavoro. Le organizzazioni di questo tipo riescono ad essere strutture polivalenti con una forte capacità di adattarsi alle mutevoli condizioni del mercato e della tecnologia. Un altro illustre autore italiano ha descritto, evidenziandone le caratteristiche, i tre tipi di società che si sono susseguite nel corso della storia: Domenico De Masi sottolinea la straordinaria durata del periodo rurale, che ha resistito per circa novemila anni, rispetto alla breve durata della società industriale. È in ogni caso da mettere in evidenza come la fine del mondo industriale abbia lasciato nel mondo postindustriale idee di cui ancora non ci si riesce a liberare definitivamente; ad esempio il legame della paga su base oraria, la tendenza alla standardizzazione degli orari di lavoro e un atteggiamento conservatore verso le nuove tecnologie. I punti fondamentali del paradigma della società postindustriale, descritti in maniera dettagliata e puntuale da De Masi sono i seguenti: 8 • la delega del lavoro ripetitivo, faticoso ed esecutivo, alle macchine, permette al lavoratore di dedicarsi al lavoro ideativo, ad attività intellettive; • la produzione di massa e in grande serie di beni materiali cede il posto alla produzione di beni immateriali, come servizi, informazioni, simboli, estetica e valori; • la destrutturazione del tempo e dello spazio, rese possibili dalle tecnologie, permettono di realizzare il sogno dell’ubiquità; il luogo di lavoro non costituisce più una variabile indipendente del teorema organizzativo e l’orario rigidamente sincronizzato non è più un’esigenza reale della produzione, sorgono, infatti, notevoli possibilità offerte dal telelavoro; • la globalizzazione, che assume diverse forme: economica, culturale, ecologica, civile , etc.; 5 Cfr. Toffler A., The Third Wave, Pan Books, London 1981, pp. 264-268 ss. 6 Cfr. Toffler A., The Third Wave, Pan Books, London 1981, pp. 286-289 ss. 7 Cfr. Bell D., The coming of Post-Industrial Society, Paperbaks Inc., New York 1976. 8 Cfr, De Masi D., Il futuro del lavoro, Rizzoli, Milano 1999, p. 197.
Anteprima della tesi: Vantaggio competitivo, management e qualità, Pagina 6

Preview dalla tesi:

Vantaggio competitivo, management e qualità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Cannia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Domenico De Masi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 202

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi