Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Telestreet: Il vero elisir della libertà di comunicazione?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Chiediamo pertanto che il Ministro delle Comunicazioni intervenga con decisione procedendo alla disattivazione immediata di tutti coloro che operano senza alcun titolo abilitativo. In conclusione Aeranti-Corallo chiede che l’emittenza televisiva locale venga messa nelle condizioni di poter passare a pieno titolo alle trasmissioni digitali sviluppando tutte le opportunità di business offerte dalla nuova tecnologia. Aeranti-Corallo chiede inoltre una serie di norme che favoriscano una ulteriore crescita complessiva del settore attraverso una serie di incentivazioni mirate. Il Ministro Gasparri ha più volte dimostrato di credere nel ruolo della emittenza locale. Al Ministro Gasparri chiediamo di crederci ancora di più sostenendo e facendo proprie le proposte di Aeranti- Corallo). 1.3.2. Minimal TV La Minimal TV è la televisione più piccola del mondo (così la definiscono i suoi ideatori, il gruppo Quinta Parete) che trasmette i suoi programmi via cavo su alcuni televisori messi "in strada". Questo modo di fare televisione si basa sul minimo indispensabile. La Minimal TV è nata a Vinci, un Comune in provincia di Firenze, sotto il nome di Vinci Minimal Tv in occasione del festival "Multiscena: rassegna di eventi ed arti sceniche" svoltosi dal 23 al 26 luglio del 1996. Durante la manifestazione, la tv più piccola del mondo ha trasmesso ogni sera dalle 18 alle 23 su tre monitor e un videoproiettore posti in zone strategiche dell'area del castello, con la stanza della regia collocata nella Biblioteca Leonardiana di Vinci. I suoi programmi ideati in continua "collaborazione" con gli abitanti della cittadina, in parte registrati durante la giornata e in parte realizzati in diretta, affrontavano tematiche legate alla quotidianità locale e agli spettacoli delle serate; chi si trovava a

Anteprima della Tesi di Gabriele Giangiacomi

Anteprima della tesi: Telestreet: Il vero elisir della libertà di comunicazione?, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Gabriele Giangiacomi Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2418 click dal 11/03/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.