Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Telestreet: Il vero elisir della libertà di comunicazione?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 1.4 Obiettivi di telestreet nel mediattivismo Ogni tv di strada in Italia ha una propria organizzazione, proprie idee e propri contenuti da trasmettere. Allo stesso tempo sono state, però, individuate delle linee e dei principi comuni attraverso la creazione del circuito Telestreet, luogo virtuale di coordinamento e di scambio di cultura, strumenti, filmati e servizi a carattere tecnico e legale tra le street tv che aderiscono al circuito stesso. La programmazione è libera con il solo limite di non poter scambiare né trasmettere materiale di carattere razzista, sessista e fascista. Chi opera all’interno di questo circuito ha lo scopo di organizzare una tv diversa nei contenuti, migliore, più giusta o più bella di quella esistente. L’obiettivo principale, è quello di riappropriarsi del mezzo televisivo per alimentarlo con una comunicazione fatta dal basso, con lo scopo finale di annullare l’effetto della televisione, toglierle autorevolezza, eliminare quel rapporto unidirezionale tra emittente e ricevente che rende il telespettatore strumento passivo di chi fa televisione. Dalla tv alla rete: l’energia della comunicazione sociale sta andando nella direzione di Internet (la mobilitazione spagnola contro Aznar, dopo gli attentati di Madrid, è stata organizzata principalmente in rete), il solo luogo dove è possibile una vera comunicazione orizzontale in cui nessuno sta sopra nessuno, a differenza della televisione. Si deve usare la tv solo come mezzo per far giungere questo messaggio al maggior numero di persone perché essa resta ancora il media più potente e penetrante in Italia e non solo. I mezzi di comunicazione di massa sono uno spazio pubblico, di tutti quindi. Sempre secondo gli addetti ai lavori, cioè i mediattivisti (si chiamano così coloro che operano una forma di attivismo sociale tramite gli strumenti della rete, il concetto sarà analizzato approfonditamente nel capitolo 3) con i quali il fenomeno delle tv di quartiere è entrato presto in contatto, solo

Anteprima della Tesi di Gabriele Giangiacomi

Anteprima della tesi: Telestreet: Il vero elisir della libertà di comunicazione?, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Gabriele Giangiacomi Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2418 click dal 11/03/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.