Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Telestreet: Il vero elisir della libertà di comunicazione?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Cap1: IDENTIKIT DI UNA TELESTREET 1.1 Piccoli coni di luce autogestita Il diritto alla comunicazione come spazio pubblico 1 , in una parola: telestreet, il proprio modo di scoprire e far vedere la realtà. Una tv di strada o di quartiere è una televisione che può fare chiunque con pochissimi mezzi tecnici e finanziari. Basta disporre di un trasmettitore, un’antenna di trasmissione e un modulatore per un costo complessivo di circa 2000 euro. Bisogna poi trovare una frequenza libera per trasmettere: ci sono, infatti, frequenze che, pur essendo attribuite, non sono effettivamente raggiunte dal segnale per ragioni geografiche imprevedibili (un palazzo troppo alto, una collina che impedisce di “vedere” il ripetitore, ecc). Si creano allora i coni d’ombra e con un piccolo trasmettitore si può mandare un segnale capace di raggiungere le antenne di quella piccola zona. In Italia le prime sperimentazioni di tv di quartiere risalgono già agli anni ’70 - ’80 con il caso TeleBiella (la tv libera che iniziò le trasmissioni il 6 aprile 1972) ma è a partire dal 2002 che le televisioni di strada sono proliferate a dismisura tanto da contarne, oggi, più di 100 sebbene molte non siano attualmente operative. Solo nella regione Marche sono nate cinque realtà: Bassora Telestreet di Porto Sant’Elpidio (Ap), Disco Volante di Senigallia (An), Fanotv di Fano (Pesaro- Urbino), Telemia di Porto Sant’Elpidio, Teleporto di Ancona. Un esempio più che indicativo si è avuto inoltre, nel 2002, a Termini Imerese. Nell’autunno di quello stesso anno, infatti, la Fiat, principale azienda automobilistica del paese, entrò in una crisi catastrofica: migliaia di operai vennero licenziati, a Torino come a Termini Imerese. Proprio nella piccola città siciliana nacque una telestreet denominata Telefabbrica. Un gruppo di ragazzi cominciò ad intervistare gli operai licenziati, i 1 Telestreet, F.Berardi, M.Jacquemet, G.Vitali pag. 15 riga 8-9

Anteprima della Tesi di Gabriele Giangiacomi

Anteprima della tesi: Telestreet: Il vero elisir della libertà di comunicazione?, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Gabriele Giangiacomi Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2418 click dal 11/03/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.