Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Telestreet: Il vero elisir della libertà di comunicazione?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 sindacalisti, le donne che protestavano. Per tre giorni si usò la televisione come strumento di discussione sui problemi della resistenza operaia mentre il giorno seguente, il 4 febbraio 2002 tramite decisione del Ministero delle Comunicazioni, i carabinieri sequestrarono le attrezzature impedendo, così, il proseguimento delle trasmissioni (che avevano un raggio di copertura di 150 metri). Questa realtà siciliana venne bloccata perché era priva della concessione governativa che autorizza a trasmettere e quindi andava contro l’articolo 195 della legge Mammì. Global project, un progetto che oltre alla tv utilizza altre risorse come radio e riviste, assicurò la copertura delle ultime proteste dei lavoratori di Termini Imerese con dirette radiofoniche e televisive. Tornando ai tempi più recenti, nel 2004 si è andato sviluppando un nesso tra N5M (acronimo di Next Five Minute, tv olandese) e Telestreet da quando Menno Grootveld, editore di N5M, ha deciso di dare vita ad Amsterdam a Proxivision, una versione olandese di Telestreet la cui collaborazione viene fornita durante i workshop organizzati dall'emittente dei Paesi Bassi. Tale interscambio si è intensificato nei giorni di Eterea 2, il secondo Convegno nazionale delle tv di strada che ha avuto luogo presso la Mediateca di Senigallia (Ancona) dal 26 al 28 marzo 2004. Simbolo di questa crescente sinergia a livello europeo è il sito www.ngvision.org una base dati visuale in continuo aggiornamento. Lo scambio dei video attraverso questo archivio è possibile anche grazie alla disponibilità crescente di banda larga che permette di far circolare in rete grandi quantità di videostreaming. La possibilità di un’inedita integrazione tra dispositivo di rete e ricombinazione di frammenti di produzione visiva non è più un’utopia. New Global Vision è insomma un network di scambisti dove si comprimono video e audio con dei codec cercando di rispettare una discreta qualità della visione, il peso del file e la natura “aperta” del codec. I materiali presenti nel sito di ngvision, godono di una licenza Creative Commons (Attribution NonCommercial-ShareAlike). A livello tecnico il “peer to peer” (da pari a pari) è sistema di orizzontalità che favorisce il libero scambio dei saperi.

Anteprima della Tesi di Gabriele Giangiacomi

Anteprima della tesi: Telestreet: Il vero elisir della libertà di comunicazione?, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Gabriele Giangiacomi Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2418 click dal 11/03/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.