Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contratto di leasing

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo – Generalità sulla locazione finanziaria _________________________________________________ 11 1.3 La nozione di leasing. Anche limitando lo sguardo alle norme di natura civilistica, può certo dirsi che il leasing è oggetto di numerose disposizioni normative le quali, però, regolamentano soltanto alcuni suoi aspetti; nonostante ciò, l’istituto rimane un contratto innominato per la semplice considerazione che per esso manca, allo stato attuale, una disciplina organica. Non manca, tuttavia, una definizione. L’art. 17, legge 2 maggio 1976 n. 183, così definisce il leasing: “ per operazioni di locazione finanziaria si intendono le operazioni di locazione di beni mobili e immobili, acquistati o fatti costruire dal locatore, su scelta e indicazione del conduttore, che ne assume tutti i rischi, e con facoltà per quest’ultimo di divenire proprietario dei beni locati al termine della locazione,dietro versamento di un prezzo prestabilito”. Quasi identica è la definizione dell’art. 11, legge Regione Lombardia 30 aprile 1980 n. 48, recante interventi a favore dell’associazionismo artigiano, nonché la definizione del leasing immobiliare degli usi di Mantova. La descrizione ritenuta da molti 7 la più completa è senza dubbio quella proposta dal Comitato tecnico accertamento usi della Camera di Commercio di Milano in data 29 gennaio 1976, secondo il quale il leasing può essere definito come il contratto con il quale un soggetto detto locatore, si obbliga a mettere a disposizione di un altro soggetto, detto locatario o conduttore, per un dato tempo, un bene mobile verso un corrispettivo a scadenze periodiche, determinato in relazione al valore del bene, alla durata del contratto e ad altri elementi; detto bene è acquistato o fatto costruire dal locatore su scelta e indicazione del conduttore con facoltà per quest’ultimo di acquisirne la proprietà, alla scadenza del periodo del contratto, dietro versamento di un importo prestabilito. 7 Cfr., Enciclopedia Giuridica Treccani, voce: Leasing I, 1.

Anteprima della Tesi di Maria Giovanna Di Bello

Anteprima della tesi: Il contratto di leasing, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maria Giovanna Di Bello Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 20221 click dal 11/03/2005.

 

Consultata integralmente 60 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.