Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Zelda Fitzgerald: La Revisione del Mito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Eleonora Tedeschi, Zelda Fitzgerald: La Revisione del Mito 13 furono catturati in un circolo vizioso che li lasciò confusi e alienati. Non sapevano più cosa ci si aspettava da loro e come avrebbero dovuto comportarsi per non deludere le aspettative del pubblico. I Fitzgerald vennero idealizzati come una coppia felice, ma sotto il costante scrutinio pubblico e afflitti da problemi personali, lottavano contro un matrimonio che si stava sgretolando. Tanta era stata la voglia di scappare dal Sud, ma tanta divenne per Zelda anche quella di tornarvi, e quando lo fece insieme a Scott nell’estate 1920, quando i profumi floreali del Sud e la vista delle giovani con i lori vestiti d’organza apparvero davanti ai suoi occhi, Zelda venne sopraffatta dalla nostalgia. Il soggiorno durò poco, i Fitzgerald viaggiavano continuamente, Scott ci era abituato fin dall’infanzia, ma tale transitorietà la faceva sentire fuori posto. Nel Sud ci si muoveva meno rispetto al Nord, la gente rimaneva profondamente legata alla terra, alla famiglia, alla comunità. Zelda si sentiva a disagio anche nel freddo e umido Nord di St. Paul, dove Scott volle aspettare la nascita di Scottie, la loro bambina. Era una città nuova, che aveva visto solo tre generazioni; la sua mancanza di radici ancestrali dava a Zelda un senso di insicurezza, provvisorietà, alienazione. Per lei era un mondo troppo distante non solo geograficamente ma soprattutto psicologicamente dall’Alabama nella quale era cresciuta e che nonostante tutto, era ancora l’unico posto al mondo in cui si sentiva veramente a casa. A loro volta la maggior parte degli abitanti di St. Paul considerava la sua provenienza dal Sud come qualcosa di alieno. Il terzo capitolo riguarda le “Voci Straniere”, gli anni di esilio trascorsi in Europa, principalmente in Francia, dove era esplosa la rivoluzione artistica nelle sue innumerevoli forme, gli anni degli americani a Parigi, delle estati in Riviera, anni in cui il matrimonio dei Fitzgerald cominciò a vacillare. In Europa fecero importanti amicizie: Hemingway e sua moglie Hadley, Gerald e Sara Murphy, Gertrude Stein

Anteprima della Tesi di Eleonora Tedeschi

Anteprima della tesi: Zelda Fitzgerald: La Revisione del Mito, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Eleonora Tedeschi Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5082 click dal 05/04/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.