Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'aeroporto come luogo del consumo: il caso Fiumicino.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 1.2 La produzione dello spazio Non esiste consumo dello spazio senza una corrispondente e precedente produzione di spazio. Col termine “produzione dello spazio” si intende un processo, sviluppatosi in diverse fasi storiche, che ha prodotto la mercificazione del territorio. La storia delle società industriali occidentali può essere suddivisa in diverse tappe corrispondenti alle modalità di costruzione dell’ambiente. Fino all’epoca dell’industrializzazione e della modernizzazione la ricchezza delle città proveniva in buona misura dall’agricoltura: le città dominavano in modo più o meno diretto le campagne. Lo sviluppo demografico delle città in questa fase fu stentato. Tra il 1600 e il 1700 la fase commerciale produsse le grandi città di porto del mondo (si pensi alle grandi città di mare d’Inghilterra). Con la rivoluzione industriale il legame città–campagna cambia natura: la città si libera della dipendenza dal territorio circostante, dato che prodotti alimentari e manufatti industriali possono arrivare da ogni parte del mondo: il territorio invece dipende dalla città in misura crescente, perché l’informazione e i servizi di ordine superiore sono più che mai un fatto urbano. Con l’invenzione della macchina a vapore e con la nascita dell’industria lo sviluppo e il mutamento della città borghese accelera. La popolazione aumenta durante il 1800 grazie al miglioramento dell’alimentazione, dell’igiene personale, degli impianti pubblici, delle abitazioni, i progressi della medicina e la migliore organizzazione degli ospedali. Ma è soprattutto la seconda rivoluzione industriale all’inizio dell’Ottocento che rende possibile lo sviluppo demografico e commerciale delle città borghesi europee: la produzione in grandi quantità delle merci e l’intensa fase di crescita sociale moltiplicano i consumi e i luoghi di acquisto. Il cliente non è più conosciuto e abituale, me anonimo e frettoloso. Nasce così la vetrina, che consente di esporre

Anteprima della Tesi di Marta Sclafani

Anteprima della tesi: L'aeroporto come luogo del consumo: il caso Fiumicino., Pagina 7

Laurea liv.I

Facoltà: Relazioni Pubbliche e Pubblicità

Autore: Marta Sclafani Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4852 click dal 22/03/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.