Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il dumping e l'antidumping nell'Organizzazione Mondiale del Commercio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

sui cui presupposti un Paese può applicare un dazio a contrasto di tale pratica. Gli elementi principali possono racchiudersi nella individuazione del margine di dumping (come differenza calcolata con l’ausilio di particolari tecniche e procedure di normalizzazione dei prezzi nei due mercati 15 ), nell’analisi del pregiudizio (causato al settore interessato debitamente identificato) nonché il nesso causale tra questi due elementi. Nessun giudizio è invece espresso nel valutare se il dumping sia in definitiva un comportamento di “unfair competition” ed eventualmente in quali termini, frutto probabilmente sia delle particolarità di questo già anticipate, che del fatto di essere un argomento largamente dibattuto in letteratura e sulla cui base manca un coerente ed ampio consenso. 16 L’unica cosa che si può rimarcare è come la definizione di dumping si sia evoluta nel corso degli anni (a partire chiaramente dal rischio di istituzione di monopolio nelle prime discipline nazionali) da “practice of selling a good for export at a price below that charged for the identical good in the exporting country” (Willig, 1997) a “offering a product for sale in export markets at a price below normal value (as the price charged by a firm in its own market, in the ordinary course of trade)”. 17 Trading System: The WTO and Beyond, par. 1.3 p. 12. 15 Come vedremo dal confronto tra prezzo di esportazione e presunto prezzo praticato internamente dal Paese esportatore (definito valore normale). Presunto poiché considerato spesso non attendibile (o non “in the ordinary corse of trade”) e ricavato in alternativa dalla struttura dei costi dell’impresa indagata ovvero con il raffronto verso un altro Paese esportatore. 16 Specialmente sull’effettiva dannosità della discriminazione di prezzo. 17 Andrea Lasagni Does Country-targeted Anti-dumping Policy by the EU Create Trade Diversion? in Journal of World Trade, 34(4) 2000, pp. 137-159 (p. 139). Da uno dei rapporti periodici sull’antidumping (del 1993) della Commissione Europea ricaviamo le seguenti considerazioni sulle misure antidumping: The reasons why GATT consider dumping as unfair are: - dumping requires that the export market be segregated and that the importing market be open. 8

Anteprima della Tesi di Alessandro Braccini

Anteprima della tesi: Il dumping e l'antidumping nell'Organizzazione Mondiale del Commercio, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Braccini Contatta »

Composta da 391 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7823 click dal 20/09/2005.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.