Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Tutela del Paesaggio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 dialettico; solo in tal modo sarebbe stato possibile ottenere una normativa duttile rispetto alle mutazioni e, quindi, capace di aderire ad un nuovo contesto, per poterlo modellare secondo la desiderabilità cogente della norma. Differentemente, il legislatore del ’77 ha proceduto ancora rigidamente su un filo segnato dalla stessa prospettiva estetico – percettiva che si rinveniva nella Legge sulle bellezze naturali. Un approccio maggiormente in sintonia con i mutamenti della realtà socio - economica, che si potrà osservare solo nella successiva legge Galasso avrebbe necessitato inoltre, come elemento collante, di una diversa concezione nella distribuzione delle funzioni, che non si limitasse una divisione del peso del lavoro connesso al potere, ma una sorta di condomino istituzionale 34 tra il potere centrale e quello periferico 35 . Questa fase d’incertezza risultava aggravata dal fatto che molte zone del territorio dello Stato rimanevano al di fuori della tutela paesaggistica 36 , costringendo alla realizzazione di alcuni provvedimenti d’urgenza che verranno assorbiti non senza difficoltà dalla successiva normativa. In assenza di un vincolo esteso ex lege a determinati beni dislocati sul territorio aventi le caratteristiche di valore ambientale, il Ministro adotterà, infatti, diversi decreti ministeriali in virtù del D.M. 21 Settembre 1984, determinando una dichiarazione di notevole interesse ambientale di alcune zone, che in tal modo sono state assoggettate ad un regime di immodificabilità relativa, vincolata al nullaosta della stessa Regione. Le problematiche che tali dichiarazioni hanno suscitato trovano più compiuta interpretazione nell’ambito della successiva legge Galasso. 34 La Corte Cost., nella sentenza n. 157 del 1988 parla di “ condominio istituzionale” tra Stato e Regione. 35 Contrariamente, come si è detto in questo paragrafo il D.p.r. 616, quando tratta il potere di integrazione da parte dello Stato dell’elenco dei beni vincolati, si rivolge, secondo la dottrina, ad un potere proprio dello Stato e non ad un potere eventuale e sostitutivo frutto di un approccio dialettico tra le istituzioni.. 36 Solo la legge Galasso estenderà il vincolo ex lege a determinati tipi di beni, al prescindere di un provvedimento amministrativo.

Anteprima della Tesi di Francesca Chiavarone

Anteprima della tesi: La Tutela del Paesaggio, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Chiavarone Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15264 click dal 16/03/2005.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.