Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le rappresentanze sindacali unitarie nel lavoro privato e pubblico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 quale l’investitura ai rappresentanti è data, per così dire, dall’alto, o meglio al di fuori dell’azienda, mediante nomina dell’associazione ad essere da un proprio organo periferico e i lavoratori lo sono soltanto per il tramite dell’associazione.” 2 La norma è stata letta, da alcuni, come un tentativo di conciliazione tra l’investitura dal basso e il rapporto organico tra rappresentanze aziendali e associazioni esterne, deducendo l’obbligatorietà del carattere elettivo delle r.s.a. e dell’attribuzione dell’elettorato attivo a tutti i lavoratori, iscritti e no. Ma fin dai primi anni ’70, un’altra parte della dottrina qualificava le r.s.a. come organo periferico delle organizzazioni sindacali. Sta di fatto che, l’interpretazione della legge che ha prevalso e l’applicazione che n’è stata fatta nella generalità dei casi lasciano alle organizzazioni sindacali una libertà assoluta della modalità di designazione dei membri della rappresentanza, salva la necessità della presenza in azienda di almeno un lavoratore aderente all’associazione interessata. Le r.s.a. traggono, dunque, la propria investitura essenzialmente dalle rispettive associazioni sindacali, non dai lavoratori in quanto tali. Così ai sensi del vecchio testo dell’art. 19 potevano essere costituite r.s.a. nell’ambito di associazioni sindacali che pur non avendo tra i dipendenti di una determinata azienda un elevato numero di iscritti, fossero tuttavia aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative. Per contro, alle associazioni sindacali che avessero un largo seguito in azienda, ma non avessero aderito alle Confederazioni maggiormente rappresentative, non era consentito costituire r.s.a.. 2 Ichino, Le r.s. in azienda dopo il referendum, RIDL, n. 2, 1996, p. 116 ss.

Anteprima della Tesi di Luciana Riccardo

Anteprima della tesi: Le rappresentanze sindacali unitarie nel lavoro privato e pubblico, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luciana Riccardo Contatta »

Composta da 382 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10150 click dal 21/03/2005.

 

Consultata integralmente 82 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.