Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le rappresentanze sindacali unitarie nel lavoro privato e pubblico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 In particolare, al primo capitolo è assegnato, il compito di ripercorrere la parabola della rappresentatività sindacale. Il ruolo del sindacato (di rappresentanza e di contrattazione) viene riconosciuto dalla Costituzione: “…i sindacati registrati possono, rappresentati unitariamente in proporzione dei loro iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il contratto si riferisce” (art. 39). Storicamente, è la L. 20 maggio 1970, n. 300 (c.d. Statuto dei lavoratori) che codifica il diritto alla rappresentanza sui luoghi di lavoro: “Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità produttiva, nell’ambito delle associazioni sindacali che siano firmatarie di contratti collettivi di lavoro applicati nell’unità produttiva”. Si parte, così, dall’articolo 19 dello Statuto dei Lavoratori con le vicende della maggiore rappresentatività confederale, ricostruendone l’ascesa e, successivamente, il declino. Le polemiche sull’art. 19 dello Statuto dei Lavoratori (legge 20 maggio 1970, n. 300), e la crisi del sindacalismo confederale hanno provocato un intenso dibattito nelle principali confederazioni sindacali, rifluito in varie proposte di riforma organizzativa delle rappresentanze a livello aziendale. Si avverte l’esigenza di superare la rappresentatività presunta ed irradiata in favore di un modello per lo più ispirato a principi di democrazia rappresentativa, nonché aperto a momenti di verifica periodica del consenso dei rappresentati. La risposta, alla crisi di rappresentatività del sindacato confederale, è costituita dal Protocollo del 23 luglio 1993 che ha affrontato il tema della rappresentanza e della democrazia sindacale in azienda,

Anteprima della Tesi di Luciana Riccardo

Anteprima della tesi: Le rappresentanze sindacali unitarie nel lavoro privato e pubblico, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luciana Riccardo Contatta »

Composta da 382 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10150 click dal 21/03/2005.

 

Consultata integralmente 82 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.