Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Interazione uomo computer nello spazio virtuale tridimensionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3. Human Computer Interaction (HCI) Il campo di indagine dell’interazione uomo-computer vede un grande trasferimento di metodi e di modelli dalla psicologia cognitiva. Nel testo di Kempen vengono sottolineati tre tipi di contributi della psicologia cognitiva 13 alla HCI: • sviluppo di modelli di rappresentazione della conoscenza dell’utilizzatore; • impiego delle teorie cognitive nella costruzione di interfacce per la presentazione di informazioni; • procedure per una valutazione dei prodotti orientata sull’utilizzatore. La disciplina interazione uomo-computer è quindi relativamente giovane e si struttura con la nascita del PC, con la sua introduzione negli ambienti di lavoro, nelle organizzazioni, nelle case. Nel 1982 si svolse la prima conferenza in “Human factors and computing systems” negli Stati Uniti e nel 1985 la prima edizione di quello che oggi è riconosciuto come l’appuntamento più importante della HCI e cioè il convegno organizzato dall’“Association for Computer Machinery”. Negli ultimi anni il settore ha registrato una crescita eccezionale di interesse e soprattutto ha consolidato la sua natura di disciplina collegata sia alla Computer Science sia alla psicologia cognitiva e all’ergonomia cognitiva. Gli stessi ambiti di applicazione della HCI si sono ampliati moltissimo, spaziando dalla progettazione del software alla progettazione dell’interfaccia utente. Oggi possiamo dire, quindi, che la HCI abbia una posizione e un ruolo imprescindibile nello sviluppo delle applicazioni informatiche, anche se continua ad essere più consolidata nel settore della ricerca che non in quello produttivo, soprattutto nell’industria dei componenti software. Se infatti ambiti industriali come, ad esempio, quello automobilistico hanno una tradizione di ricerca nel campo dell’ergonomia fisica e cognitiva abbastanza forte da registrare una maggiore domanda di studi su modelli di interfacce tra uomo e ambiente-auto, 13 G. Kempen, Acta Psychologica, pp. 205-206 8

Anteprima della Tesi di Michele Martino

Anteprima della tesi: Interazione uomo computer nello spazio virtuale tridimensionale, Pagina 11

Laurea liv.I

Facoltà: Design e Arti

Autore: Michele Martino Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5699 click dal 24/03/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.