Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Interazione uomo computer nello spazio virtuale tridimensionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3. Human Computer Interaction (HCI) 3.2 L’evoluzione dell’utente Nel 1974 i ricercatori dello Xerox Palo Alto Research Center progettavano “Alto”, il primo computer dotato di mouse, finestre, menu e icone, cioè degli elementi fondamentali di quella che oggi è riconosciuta come la Graphical User Interface (GUI). Alto non fu mai messo sul mercato. Nel 1975 veniva venduto “Altair 8800”, che aveva come linguaggio di programmazione il BASIC, molto semplice e accessibile agli utenti appassionati di programmazione intenzionati a costruire applicazioni per la propria macchina. Molti riconoscono Altair 8800 come il primo Personal Computer, che aveva però una caratteristica fondamentale: era venduto come un kit da assemblare, quindi niente a che vedere con l’attuale acquisto di un PC e tanto meno con i successivi obiettivi di rendere la macchina il più facile possibile da utilizzare. L’utente in questa fase era un hobbyist 15 , il mercato era molto di nicchia e l’offerta era destinata a quei pochi consumatori tecnofili intenzionati a costruirsi la propria macchina. Si trattava di una fascia di consumatori che identificava nel processo di assemblaggio uno degli aspetti più divertenti e appassionanti dell’acquisto. Infatti, anche in seguito all’introduzione di computer già assemblati, continuò a sopravvivere un mercato di computer-kit di seconda generazione che i computer-hobbyists preferivano per un risparmio economico, ma soprattutto per il divertimento di assemblarli. Questo approccio uomo-macchina era radicalmente opposto rispetto ai successivi, basati sul principio del user friendly. Sherry Turkle nel suo libro “La vita sullo schermo” 16 analizza la nascita dell’utente identificandone due predecessori, che corrispondono a due subculture informatiche della fine degli anni ’70: • Hackers; • Hobbyists. 15 Come viene definito da Raffaella Scalisi nel testo Users, p.63 16 Sherry Turkle, Life on the screen,tr. It. La vita sullo schermo, Apogeo, Milano 1995, p.6 11

Anteprima della Tesi di Michele Martino

Anteprima della tesi: Interazione uomo computer nello spazio virtuale tridimensionale, Pagina 14

Laurea liv.I

Facoltà: Design e Arti

Autore: Michele Martino Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5699 click dal 24/03/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.