Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di internazionalizzazione e la competitività dell'est europa nel settore abbigliamento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 parziale, tipica di settori labor intensive, in cui l’attività operativa e il sourcing vengono concentrate presso distretti produttivi globali, o “global platform” 9 , in cui l’impresa può trovare un indubbio vantaggio comparato nel fattore lavoro e avere la possibilità di sfruttare e sviluppare economie di scala e curve di esperienza essenziali per la competitività su scala globale, mentre altre attività come la R & S e il marketing vengono parzialmente duplicate presso uffici regionali localizzati strategicamente per sfruttare maggiori fonti di input e creare sinergie creative e di know how attraverso un flusso informativo multidirezionale. Un visibile esempio può essere fornito da un impresa appartenente al settore abbigliamento, segmento casual, dove la produzione viene concentrata per l’80% in Asia (anche se viene dispersa in più Paesi per una ragione di quote) per motivi di costo e le attività di R & S e di marketing, pur rimanendo in buona parte centralizzate presso la casa madre nel Paese di origine, vengono dotate di “antenne” regionali attraverso una loro parziale duplicazione presso le filiali direttivo – commerciali localizzate in importanti centri del fashion mondiale (N Y, HK, Londra). 4. Grado di standardizzazione del marketing mix: In una strategia multidomestica le variabili del marketing mix vengono completamente adattate alle singole specificità nazionali in termini di gusti e bisogni dei consumatori locali; una scelta globale invece implica l’uniformità dell’ immagine del Brand e del marketing mix su tutti i mercati di sbocco, limitando la possibilità di eventuali adattamenti locali a casi di effettiva necessità legati a fattori legali o culturali (no a pubblicità con modelle seminude in Paesi mussulmani). 5. Grado di integrazione delle strategie competitive: In una strategia globale è fondamentale poter raggiungere un elevato grado di integrazione strategica operando una strategia competitiva quanto più comune nei diversi mercati. Ciò è ottenibile attraverso un forte accentramento direttivo a livello corporate; per contro, in una strategia multidomestica, i manager delle diverse filiali sono 9 Home base estere che integrano le fonte di vantaggio competitivo dell’impresa e del Paese do origine e si dimostrano essenziali per il raggiungimento di un vantaggio competitivo sostenibile a livello globale.

Anteprima della Tesi di Francesco Gibbi

Anteprima della tesi: Strategie di internazionalizzazione e la competitività dell'est europa nel settore abbigliamento, Pagina 14

Tesi di Master

Autore: Francesco Gibbi Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10299 click dal 17/03/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.