Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cinema parla dall'inconscio. Meccanismi di identificazione e di proiezione in due casi clinici esemplificativi di Disturbo Borderline di Personalità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- 11 - negli altri, ma non in se stesso. Per effetto della scoperta, egli diventa meno singolare, più collettivo, talvolta in senso cattivo, ma tal altra anche in senso buono. …La soppressione delle rimozioni personali trasferisce nella coscienza, dapprincipio, dei contenuti puramente personali, ma a questi sono già attaccati gli elementi collettivi dell'inconscio, gli istinti, le qualità, idee o immagini universalmente presenti, e tutte quelle quote 'statistiche' di virtù media e di vizio medio. …Ognuno ha in sé qualcosa del delinquente, del genio e del santo. Così si forma infine un vivo quadro che contiene quasi tutto ciò che si agita sulla scena del mondo, ricca di ombre e di luci: il bene come il male, il bello come il brutto." 1.1.3 OMBRA CONTRO LUCE? L'ombra richiama tutto ciò che inquieta, che celandosi, si manifesta come qualcosa di cui temere e da non dire. La luce, quando è troppo abbagliante, annulla lo sguardo e lo fa ancora più dell'ombra. In realtà, la relazione non è da intendersi in termini oppositivi, perché "polare" rispetto alla luce non è l'ombra, ma l'oscurità. L'ombra è il regno dell'ambiguità della visione, non della sua assenza. Esse sono dunque complementari. Ogni uomo ha un'Ombra, una zona cioè che a livello individuale, muta col trasformarsi dell'Io e, a livello collettivo, coi cambiamenti dei parametri di giudizio e di valore. L'Ombra è tutto ciò che viene negato e cade nell'inconscio, perché inaccettabile e condannato dal giudizio dell'Io. E' una sedimentazione inconscia che si forma a partire da divieti nati sulla base di giudizi di valore cui l'Io si accorda. L'Io è la matrice dell'Ombra, è il regista delle Ombre e delle Luci. L'Ombra racchiude quelle parti di sé sentite come intollerabili, perché legate a sentimenti "negativi" quali l'aggressività, la collera o il desiderio e il piacere. La coscienza legittima solo una piccola porzione di desiderio, l'altra parte scivola nell'Ombra e a poco a poco si separa, diventando un complesso autonomo. Spesso l'Ombra viene proiettata sulle persone che ci sono vicine e che a

Anteprima della Tesi di Elisabetta Girotti

Anteprima della tesi: Il cinema parla dall'inconscio. Meccanismi di identificazione e di proiezione in due casi clinici esemplificativi di Disturbo Borderline di Personalità, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Elisabetta Girotti Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9496 click dal 17/03/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.