Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cinema parla dall'inconscio. Meccanismi di identificazione e di proiezione in due casi clinici esemplificativi di Disturbo Borderline di Personalità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- 7 - I primi otto strati rappresentano la coscienza, a cui appartengono due tipologie di funzioni: - le funzioni ectopsichiche (sensazione, pensiero, sentimento, intuizione) costituiscono un sistema di rapporti tra i contenuti della coscienza e le impressioni che provengono dall'ambiente, sono un sistema di orientamento che serve per mettersi in rapporto con i dati del mondo esterno trasmessi dalle funzioni sensoriali; - le funzioni endopsichiche (memoria, componenti soggettive delle funzioni coscienti, emozioni-affetti, possessione) sono un sistema di rapporti tra i contenuti della coscienza e i processi che presumiamo siano in atto nell'inconscio. La superficie da cui emana la luce è la funzione ectopsichica con cui prevalentemente ci adattiamo, perciò l'ordine dei primi strati è altamente individuale. In fondo all'intera struttura, si trova l'inconscio: prima quello personale, che potrebbe divenire conscio e poi quello collettivo, il cui contenuto appare sotto forma di immagini archetipiche e non è riducibile alla coscienza. Vediamo ora dettagliatamente, le parti che più ci interessano per la nostra ricerca. 1.1.1 INCONSCIO COLLETTIVO ED ARCHETIPI Partiamo dal nucleo della sfera. Per parecchi anni, Jung si occupò di inconscio personale. Come afferma in Tipi Psicologici (1921), esso comprende in sé: "tutte le acquisizioni dell'esistenza personale, dunque cose dimenticate, rimosse, percepite, pensate e sentite al di sotto della soglia di coscienza." Tuttavia questi elementi potrebbero divenire coscienti; infatti in L'Io e l'inconscio (1948) afferma che: "è ben comprensibile che elementi psicologici incompatibili soggiacciano alla rimozione e siano quindi inconsci, ma d'altra parte è data la possibilità che i contenuti rimossi siano resi coscienti e mantenuti tali, una volta riconosciuti." Torniamo alla prima citazione, che continua così: "Accanto a questi contenuti inconsci personali esistono però altri contenuti che non provengono da acquisizioni personali, ma dalla possibilità di funzionamento che la psiche

Anteprima della Tesi di Elisabetta Girotti

Anteprima della tesi: Il cinema parla dall'inconscio. Meccanismi di identificazione e di proiezione in due casi clinici esemplificativi di Disturbo Borderline di Personalità, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Elisabetta Girotti Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9496 click dal 17/03/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.