Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il marketing librario fra la carta e la rete. Analisi della mostra mercato Umbria Libri

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

L’editoria libraria italiana appare un universo sempre più articolato e composito, che si arricchisce di anno in anno di un gran numero di sigle editoriali. Nel 2003, il numero degli editori o comunque di tutte quelle entità, che a vario titolo producono libri, raggiunge un totale di 5.382 sigle editoriali. Anche se il tavolo è largo e tutti possono partecipare al gioco, il numero di quelli che tengono in mano le carte si riduce sempre più; se infatti sono numerose le case editrici che – come si è visto – compongono l’universo editoriale, sono soltanto quattro i grandi gruppi (Mondadori, RCS, De Agostini, Messaggerie Italiane) e una cinquantina i gruppi minori o le case editrici indipendenti di un certo rilievo. Il comparto dell’editoria libraria, è un mercato caratterizzato da una modesta velocità di crescita, che non consente di recuperare l’inflazione reale, e rischia di allontanarsi dai Paesi e dai mercati tradizionalmente più sviluppati. Negli ultimi anni sono diminuite le tirature medie, il numero dei libri tradotti dalle lingue straniere continua a penalizzare gli autori italiani, e la diffusione della lettura rimane ancora bassa. Problema di fondo del mercato editoriale, la lettura, necessita di un azione pubblica e privata della promozione; quanto di strategie più innovative nella definizione dell’offerta, da parte delle aziende e dei canali commerciali, così da mirare a quelle fasce di lettori non ancora conquistati. Per impostare una strategia di marketing, un’azienda editoriale deve avere univocità e costanza negli indirizzi culturali e politici, in modo tale da riuscire a tradursi in una sensazione di coerenza e unitarietà anche formali e grafiche; riuscendo a dare di sé un’immagine chiara e riconoscibile, che il consumatore saprà distinguere, anche con

Anteprima della Tesi di Maria Michela Protopapa

Anteprima della tesi: Il marketing librario fra la carta e la rete. Analisi della mostra mercato Umbria Libri, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Maria Michela Protopapa Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3091 click dal 17/03/2005.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.