Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La rappresentazione della follia dal teatro alla comunicazione multimediale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 patico, che cerca di uccidere tutti i protagonisti dei films, oppure di perso- naggi posseduti da qualche entità, che diventano da un momento all’altro pe ricolosi assassini. E’ il caso di Shining, Possession, e moltissimi altri anco- ra. Nei films drammatici, la follia può fare da sfondo e messa in relazione a temi sociali molto forti. E’ il caso di Qualcuno volò sul nido del cuculo, Arancia Meccanica, Cristiane F.: noi ragazzi di Berlino. Il terzo capitolo tratta della rappresentazione della follia in Internet. Internet, utilissimo mezzo di comunicazione, pur essendo in grado di elimi- nare le barriere spazio-temporali tra le persone, di aggiornarsi in tempo reale, possiede l’altra faccia della medaglia. A causa dell’anonimato che questo strumento offre, moltissime persone riescono a portare a termine affari illeciti più disparati, avendo la consapevolezza che il rischio di venire scoperti è as- sai basso, proprio per l’anonimato. La follia legata ad Internet è assai diversa da quella rappresentata nel teatro e nel cinema; Internet non racconta. Internet è lo strumento attraverso il quale la follia di altri, in questo caso vera e propria patologia, si manifesta. Il capitolo tre è suddiviso i tre paragrafi. Il primo parla dell’Internet Addiction Disorder, ovvero la dipendenza da In- ternet, vera e propria patologia scoperta nel 1995, che nasce proprio da In- ternet, in grado di peggiorare situazioni patologiche presistenti. Il pararafo due parla della Pedofilia in Internet, messa in relazione con la pedofilia clinicamente studiata. La pedofilia è da sempre esistita, ma con l’avvento delle tecnologie, è aumentata vertiginosamente. Quello che sconcerta è che dietro chi visita questi siti, si trovano molto spesso persone considerate normali, padri di famiglia, e nel peggiore dei casi, anche esponenti della Chiesa.

Anteprima della Tesi di Chiara Della Cananea

Anteprima della tesi: La rappresentazione della follia dal teatro alla comunicazione multimediale, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Chiara Della Cananea Contatta »

Composta da 49 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8920 click dal 17/03/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.