Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mito di Marte nella fantascienza americana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 3. L’Ottocento e la questione dei canali Nel corso dell’Ottocento furono messi a punto telescopi sempre più potenti e precisi, il che permise di ottenere immagini dettagliate della superficie marziana e di disegnarne le prime mappe. Il secolo si apre con il lavoro congiunto degli astronomi William Beer e Johann Mädler che, stando alle parole di Camille Flammarion, diedero avvio ad un nuovo periodo negli studi di Marte, “il periodo geografico”. Flammarion sottolinea la loro importanza in maniera piuttosto incisiva: Cristoforo Colombo fu felice quando incappò nel continente americano durante il suo viaggio di circumnavigazione dell’Asia. Marte non ha il suo Cristoforo Colombo. Questi raggiunse la fama per il solo fatto di aver raggiunto l’America; una schiera di astronomi è impegnata da più di un secolo a studiare il proprio continente celeste. Ma Beer e Mädler meritano di essere ricordati come i veri pionieri in questa nuova conquista. (FLAMMARION, 1892, vol. 1, p. 101) I due si incontrarono nel 1824 e qualche anno più tardi, nel 1830, il loro osservatorio fu pronto per l’uso. L’opposizione di quell’anno servì loro per stabilire che le macchie erano caratteristiche costanti della superficie, non nubi come alcuni credevano, e per avvicinarsi ancora di più all’effettiva durata del periodo di rotazione del pianeta. Interessanti sono anche gli studi dei due poli, che osservarono a sette anni di distanza l’uno dall’altro. Beer e Mädler notarono che le due calotte sembravano “sciogliersi” in concomitanza con la stagione estiva, per poi riformarsi nel periodo invernale, lasciando supporre analogie con quelle terrestri. Tale “scioglimento” avviene in maniera molto diversa da polo a polo. Nell’emisfero sud, infatti, le stagioni vanno incontro a notevoli sbalzi di temperatura, facendo sì che durante l’estate breve ma afosa la calotta si sciolga quasi del tutto, per poi riformarsi completamente durante l’inverno lungo e rigido. Nell’emisfero nord, invece, che per motivi legati all’eccentricità dell’orbita marziana si presenta come più moderato, la calotta è soggetta a cambiamenti meno drastici. Nel 1840 Mädler raccolse tutte le informazioni di cui era in possesso e disegnò la prima mappa del pianeta, una importante innovazione rispetto al passato. Negli anni successivi molti astronomi realizzarono ottimi disegni, da Warren de la Rue a William Rutter Dawes, da J. Norman Lockyer a Frederik Kaiser, la cui mappa soppiantò quella di Mädler, prima di diventare anch’essa datata.

Anteprima della Tesi di Alessandra Francesconi

Anteprima della tesi: Il mito di Marte nella fantascienza americana, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandra Francesconi Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2840 click dal 17/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.