Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Teatro e Giuoco d'Azzardo a Milano nel Settecento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO VI I BILANCI DEL REGIO DUCALE TEATRO Prima di trarre le dovute conclusioni su quanto finora esposto, penso sia arrivato il momento di affrontare il difficile compito di quantificare con dati precisi il peso delle entrate derivanti dall’appalto dei giuochi di piacere all’interno dei bilanci stilati dai teatri milanesi. Finora mi è stato possibile determinare solamente alcune cifre relative a casi specifici. Ho infatti analizzato, attraverso l’asta condizionata avvenuta nel 1752, fino a che punto gli appaltatori siano interessati a rilanciare le proprie offerte e quanto consistenti possano essere gli introiti derivanti dalla privativa sui giuochi di piacere per il Collegio delle Vergini Spagnuole. Ne è emerso che la congregazione religiosa può persino permettersi di gestire in economia gli allestimenti degli spettacoli, in cambio delle trentaseimila Lire offerte da tale Giovanni Battista Crivelli per il solo appalto dei giuochi, garantendosi altresì i mezzi per la propria sopravvivenza. Per quel che riguarda gli anni Ottanta del Settecento, mi è stato inoltre possibile precisare meglio il valore dell’esercizio dei giuochi all’interno del Teatro alla Scala e del Teatro della Cannobiana. Infatti, dopo la definitiva distruzione del Regio Ducale Teatro, la Pia Casa è estromessa da qualsivoglia privativa sugli spettacoli o sul giuoco e gli introiti spettano tutti direttamente agli appaltatori e ai gestori dei teatri milanesi. Se dai documenti è emersa l’esigenza dei palchettisti del Regio Ducale Teatro di garantirsi, in cambio della costruzione dei nuovi teatri, tutti i diritti concessi fino a

Anteprima della Tesi di Simona Maria Frigerio

Anteprima della tesi: Teatro e Giuoco d'Azzardo a Milano nel Settecento, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Simona Maria Frigerio Contatta »

Composta da 236 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1586 click dal 01/04/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.