Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Amnesty International: comunicare i diritti umani

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

membership debba ancora assimilare in profondità l’inserimento dei diritti economi- ci, sociali e culturali nel mandato, e infine, come accennato, la lentezza del suo pro- cesso di decision making. Il programma di lavoro più estensivo di AI con le Oig riguarda le Nazioni Unite. Lavorare all’interno di quest’organo assume un’importanza di rilievo poiché rappre- senta un luogo in cui poter esporre le violazioni e far progredire le frontiere della protezione dei diritti umani. AI ha acquisito lo status consultivo all’ONU nel 1964, cosa che le conferisce una posizione internazionale, la possibilità di partecipare ad importanti incontri ONU e di sottoporre documenti e dichiarazioni di rilievo per il complessivo lavoro sui diritti umani. Ha avuto un ruolo centrale anche nella pressio- ne per aumentare il dibattito sull’istituzione di un Alto Commissario per i diritti umani. Uno scopo del lavoro di AI alle Nazioni Unite è contribuire allo sviluppo e al rafforzamento dei meccanismi internazionali per la promozione dei diritti umani; la sua presenza alle Nazioni Unite contribuisce anche ad una migliore comprensio- ne di cosa sia AI e di cosa si occupi. AI non si limita a far sorgere casi e problemi su un particolare paese all’interno del sistema ONU, ma contribuisce in modo attivo anche a studi e dibattiti su questioni emergenti dei diritti umani. AI ha cominciato ad avere un ruolo importante anche nell’area delle operazioni di peacekeeping portate avanti dalle Nazioni Unite soprattutto a partire dagli anni Novanta. È proprio in que- sto periodo che, parallelamente a quelle operazioni, sorge una maggiore attenzione nei confronti dei diritti umani. AI ha iniziato ad esaminare tali operazioni più da vici- no concentrandosi, in particolar modo, sulla situazione dei diritti umani nel paese interessato dall’azione ONU e sui passi da fare perché si desse la giusta attenzione al rispetto dei diritti umani. Tra i punti di forza di AI ci sono sempre state le persone che la compongono, il fatto di coinvolgere in modo personale i suoi membri, la sua flessibilità strutturale e di gestione... Ma, a parte tutte le caratteristiche e i successi di cui AI è stata protagonista, esi- stono anche importanti sfide che essa si trova a dover affrontare poiché immersa, come tutti, in nuove realtà politiche ed economiche. Le nuove comunicazioni elet- troniche offrono rapidità, danno più immediatezza ed impatto alle notizie sui diritti umani e rendono i confini nazionali più permeabili ai flussi d’informazione, così che AI possa gestire in modo più rapido ed efficiente gli affari interni ed il processo di 8

Anteprima della Tesi di Virginia Marconi

Anteprima della tesi: Amnesty International: comunicare i diritti umani, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingua e Cultura Italiana

Autore: Virginia Marconi Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6919 click dal 18/07/2007.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.