Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riflessi ed echi pittorici nel cinema di Luchino Visconti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 infatti, la pittura non è mai riuscita a riprodurre la realtà nella sua interezza, ma è riuscita solo ad “imitarla”, mentre la fotografia è si riuscita a duplicare il reale, ma solo a livello spaziale e non anche temporale. Secondo André Bazin 4 , il cinema sarebbe riuscito a riscattarsi dal “peccato originale” della prospettiva, ma altri critici non condividono per nulla la sua opinione (vedi i critici materialisti dei Cahiers du Cinéma e di Cinétique), ritengono anzi che i due mezzi siano legati da un vincolo inestricabile, la prospettiva, dalla quale non riusciranno mai a liberarsi. 5 Un ulteriore dispositivo che accomuna la pittura ed il cinema è il Panorama. Tecnicamente, il Panorama rientra nella pittura. I Panorami erano delle enormi tele raffiguranti grandi soggetti (battagli, incoronazioni di re, fenomeni naturali) e per realizzarli erano assoldati tanti pittori. Ma, nello stesso tempo, fa già parte dello spettacolo e quasi del cinema, a parte il movimento. In conclusione, si può affermare che il cinema e la pittura hanno l’interesse comune della gestione dello sguardo, cercando di dominarlo in modo da far confluire l’attenzione dello spettatore sugli elementi che più interessano il pittore ed il regista. In fondo, si può affermare che il pittore è il regista del suo quadro e che il regista con il suo film si comporta come un pittore. Entrambi sanno attirare l’attenzione sulle zone periferiche del quadro e dell’inquadratura, attraverso la gestione del colore e, soprattutto, della luce. Nell’arte figurativa, è noto come in tanti esempi, il pittore cerchi di attrarre l’attenzione con particolari tonalità luminose. Per esempio in un olio di Gerard David 6 , che rappresenta l’adorazione dei Magi, la principale attenzione appare concentrata sul volto della Madonna, dal momento che esso è contornato da un copricapo bianchissimo, tale da risaltare nell’assieme realizzato con prevalenza da toni scuri. Negli anni dello star-system, anche il cinema utilizzava la luce o il contrasto di colore per focalizzare l’attenzione, soprattutto sul volto del divo o della diva di turno che sembrano emanare luce propria, quasi avessero l’aureola. Ora, il cinema si è evoluto e, per la stessa funzione utilizza di preferenza lo zoom. Di fronte ad un’inquadratura, lo spettatore è attratto dal centro, ma il regista può successivamente indirizzarne lo sguardo, avvicinando lo spettatore al personaggio o all’oggetto con lo zoom. 4 Cfr. Bazin André, “Ontologia dell’immagine fotografica” in Qu’est ce que le cinéma? (tr. it. Che cos’è il cinema?, Garzanti, Milano, 1999, pp. 3-10. 5 Cfr. Costa Antonio, Cinema e Pittura, Loescher, Torino, 1991, pp.31-34.

Anteprima della Tesi di Alina Pirilli

Anteprima della tesi: Riflessi ed echi pittorici nel cinema di Luchino Visconti, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Alina Pirilli Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6767 click dal 17/03/2005.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.