Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Opzioni Reali. Valutazione degli investimenti in condizioni di incertezza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

METODOLOGIE DI VALUTAZIONE IN CONTESTI PERTURBATI: LA TEORIA DELLE OPZIONI REALI 79 metodo e suggerisce nuove tecniche per la correzione del tasso di attualizzazione impiegato (Hodder e Riggs, 1985). Il concetto di opzioni reali è stato introdotto negli anni settanta da Myers che in un articolo afferma che le opportunità di sviluppo di un investimento possono essere viste come opzioni su attività reali il cui prezzo di esercizio corrisponde all’investimento iniziale 1 . Sulla base di tale considerazione Myers distingue due componenti del valore di un investimento: (1) quella riferibile ai flussi di cassa relativi al progetto e (2) quella relativa all’eventuale esercizio delle opzioni legate all’iniziativa. Il lavoro di Mason e Marton “Valuing Real Investment opportunities: An Options Approach to Strategic Capital Budgeting” (1985), rappresenta una delle prime applicazioni della teoria delle opzioni, relativa ad un caso di project financing nel settore energetico. I due autori mostrano anche la possibilità di distinguere opzioni legate alle scelte di finanziamento da quelle di investimento 2 . Nel 1993 Trigeorgis giunge alla formalizzazione di un metodo di calcolo per le compound option che permette di considerare l’interazione tra diverse opzioni reali che scaturiscono da un’iniziativa come complesso di opzioni concatenate dalla possibilità di esercizio 1 MYERS S., Determinants of Corporate Borrowing, in “Journal of Financial Economics” n.2, 1977. 2 La distinzione è stata poi sviluppata da COPELAND, KOLLER E MURRIN (1990) che differenziano le opzioni sulle attività da quelle sulle passività. Le prime vengono classificate in opzioni di abbandono, differimento dello sviluppo, ampliamento, riduzione e scambio. Le seconde riguardano il debito convertibile e le azioni privilegiate, che contengono delle opzioni call in quanto danno al possessore il diritto di conversione in azioni in base ad un predeterminato rapporto. Tali opzioni sono importanti in quanto influenzano il costo medio ponderato del capitale delle società.

Anteprima della Tesi di Francesco Paolo Terlizzi

Anteprima della tesi: Opzioni Reali. Valutazione degli investimenti in condizioni di incertezza, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Paolo Terlizzi Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18997 click dal 18/03/2005.

 

Consultata integralmente 67 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.