Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Rivolte di San Sebastiano: Proposta di recupero di un edificio sito nella Pigna di Sanremo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- Le Rivolte di San Sebastiano - - Sanremo - 9 1.7 – La torre Saracena o “della Ciapela” Nei pressi della cattedrale, ai piedi della Pigna, circondata da un’aiuola, svetta la Torre della Ciapela. E’ una massiccia costruzione in pietra che faceva parte delle mura della città. La maggior parte dei sanremesi la chiama “Torre dei Saraceni”, e in effetti la fortificazione fu costruita attorno al ‘500 come difesa contro gli assalti barbareschi. Le invasioni di queste tribù arabe, convertitesi all’Islam attorno al 630 e divenute un micidiale esercito in marcia verso il bacino del Mediterraneo, segnarono per sempre l’intera storia della Liguria occidentale. In realtà le scorrerie e le invasioni dei pirati erano anche favorite dalla tendenza dei principi locali a farsi guerra fra di loro più che a ostacolare i seguaci di Maometto, e che molti disastri attribuiti a costoro erano in realtà opera di combattenti “cristiani” che si alleavano con gli invasori per interessi privati. E se il ricordo degli orrori saraceni rimane ancora nelle leggende liguri, qualcosa di più, forse, dobbiamo a questi feroci predoni: è infatti a loro che si deve la costruzione di un’ampia rete di strade, l’introduzione nel nostro territorio della ruota ad acqua per i mulini e di colture prima sconosciute come il pero, il susino e, appunto, il grano saraceno. Nel 1400 Sanremo era “convenzionata” con Genova, faceva cioè parte di quelle città e borghi della riviera di ponente che avevano patteggiato, facendo di necessità virtù, una forma di sottomissione con la città più forte; si trattava comunque di paesi “federati” e non “sudditi”, e le spinte autonomistiche di

Anteprima della Tesi di Luca Amatori

Anteprima della tesi: Le Rivolte di San Sebastiano: Proposta di recupero di un edificio sito nella Pigna di Sanremo, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luca Amatori Contatta »

Composta da 297 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2260 click dal 04/05/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile solo in CD-ROM.