Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Archeologia e futurologia: una lettura foucaultiana dell'opera di Philip K. Dick

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 L’idea di ricercare alcuni temi foucaultiani in un autore apparentemente distante dall’orizzonte di riferimento del filosofo, serve , in questo contesto, a chiarire come dagli anni sessanta in poi sia proprio lo schematismo culturale a venire meno e, allo stesso tempo, quanto il pensiero contemporaneo si sia emancipato da sistemi di sapere gerarchici. Si tratta non di rilevare l’“antiaccademismo” della letteratura contemporanea ma di stabilirne le nuove prerogative e prospettive, partendo da un movimento di rottura che si sviluppa all’interno del sistema di sapere, attraverso l’opera di pensatori quali appunto Foucault. La breve panoramica offerta nel secondo capitolo serve dunque a far emergere il carattere poliedrico ma fondamentalmente organico della riflessione foucaultiana, come pure si propone di individuare alcuni temi e atteggiamenti i cui sviluppi supereranno il campo estetico, o ne ridefiniranno l’interesse in relazione alla politica, all’ontologia e al sapere, rinnovandone i termini del confronto con la filosofia secondo una linea di scambio e reciproco arricchimento che può essere considerato una costante del pensiero foucaultiano in riferimento ai diversi “oggetti” presi in esame; « Decifrare il bizzarro trattamento che Foucault riserva all’oggetto- linguaggio non è cosa diversa, quanto alle difficoltà che presenta, dal sistemare una volta per tutte, in una rubrica definita della nostra biblioteca privata, l’opera complessiva del filosofo. ». 3 Allo stesso modo, la scelta di romanzi dickiani — si è preferito non soffermarsi sui racconti, le cui caratteristiche tematiche e stilistiche si ritrovano per lo più nella produzione romanzesca dell’autore —, lungi dal proporre una generica sovrapposizione, si pone come tentativo di 3 J. Revel, Foucault, le parole e i poteri, cit. p. 57

Anteprima della Tesi di Rossella Morgante

Anteprima della tesi: Archeologia e futurologia: una lettura foucaultiana dell'opera di Philip K. Dick, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Filosofia

Autore: Rossella Morgante Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2392 click dal 18/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.