Skip to content

Web Accessibility: a Blind Look at the ''Pompeii Website''

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Francesco Scariolo Memoria di Licenza 8 not clear enough (or large enough) to make sign language understandable. Challenges for developers are to provide transcripts for audio clips and synchronous captioning for video clips. 1.2.4. Visual disabilities Disabilities that affect vision are widely diffused in the world. For example, 1,4% 3 of the Swiss population has a significant visual impairment and half of the active population wear glasses, which is not considered to be a significant disability, but still constitutes a visual impairment. In fact the visual disabilities are essentially classified in three types: color blindness, low vision and blindness. It is necessary to understand these three types of visual impairments in more detail. In section 1.5 “Visual disabilities” this subject will be more extensively discussed. 1.3. A brief history of the web accessibility Since the basic nature of the computer itself is visually oriented, the interaction with a personal computer has always been “simple” (even if subjective) to non- disabled people. From the creation of PC’s, the use of the keyboard to move through an interface was the only method to get in touch with the brain of the machine. Later came the mouse; a little instrument that allows a user to be more rapid in accessing information simply by moving the pointer to the desired item and clicking on it with a button. These simple instruments have become commonly used over the years and now are deeply entrenched in computer culture. In the days of the creation of the World Wide Web, in the early ‘90s, scientists of the European Organization for Nuclear Research 4 , the cradle of the web, have been more concerned about content than presentation. For this reason, the original form of HTML 5 , was structured around headings, paragraphs, and other structures that help to define the basic layout of the information content of a textual document. In fact this type of content sharing was used only in the scientific environment and was only one type in the multitude of file sharing methods. The Tim Berners-Lee’s 6 idea grew very rapidly and also other people began to use it finding limitations on the presentation of information. The web grew rapidly and all types of content began to 3 http://www.bfs.admin.ch/bfs/portal/fr/index/themen/gesundheit/gesundheitszustand/behinderung/kennzah len0/behinderung_im_alltag.html; last visit: 23.11.2004 4 CERN: Conseil Européen pour la Recherche Nucléaire 5 HyperText Markup Language. 6 Tim Berners-Lee is the scientist of the CERN who invented the World Wide Web. Please refer to T., Berners Lee: Weaving the Web. Texere (2000)
Anteprima della tesi: Web Accessibility: a Blind Look at the ''Pompeii Website'', Pagina 6

Indice dalla tesi:

Web Accessibility: a Blind Look at the ''Pompeii Website''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Francesco Scariolo
Tipo: Tesi di Laurea
Anno: 2004-05
Università: Università della Svizzera Italiana
Facoltà: Scienze della Comunicazione
Corso: Scienze e Tecniche della comunicazione
Relatore: PaoloPaolini
Lingua: Inglese
Num. pagine: 171

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accessibility
internet
pompei
pompeii
w3c
web
web accessibility
blind

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi