Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

JJPF: uno strumento per calcolo parallelo con JINI

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 CAPITOLO 1. INTRODUZIONE • gestire le omuni azioni; • eseguire le operazioni di staging e di spawning; • bilan iare dinami amente il ari o; • garantire un adeguato grado di fault toleran e. Quindi lo sviluppatore he usa JJPF può on entrare la sua attenzione sul problema da risolvere e sulla sua de omposizione, senza doversi preo upare espli itamente dei diversi aspetti legati al ontrollo della on orrenza. JJPF dà la possibilità di realizzare sempli emente un'appli azione parallela se ondo un paradigma di tipo farm o se ondo una sua variante he onsenta la ondivisione di dati fra i worker. L'astrazione he Jini ore è quella di una federazione di un insieme di lienti e servizi omuni anti tra di loro. Il framework realizzato, per sfruttare le possibilità oerte da Jini, fornis e una visione astratta di ogni risorsa omputazionale mostrandola ai lienti ome un Servizio. Gli utilizzatori di questi servizi sono detti Clienti. An hè un al olatore possa essere arruolato ome worker in una om- putazione parallela realizzata utilizzando JJPF, è su iente eseguire al uni sempli i passi: 1. istanziare un oggetto he realizzi il Servizio 2. istanziare un oggetto he si o upi di registrare il Servizio presso un LookupServi e (l'entità he tiene tra ia dei Servizi attivi). La realizzazione di un liente è leggermente più omplessa, per realizzarne uno è ne essario: 1. S rivere una lasse he implementi i metodi di hiarati nell'interfa ia Pro essoIf: • setData e getData per il trasferimento dei dati tra liente e servizio; • run per mandare in ese uzione il programma he il liente ha trasfer- ito sul servizio; • setSharedObje t per indi are al worker l'identi atore dell'entità ondivisa da utilizzare; 2. Istanziare un oggetto di tipo Basi Client passando ome parametri al ostruttore:

Anteprima della Tesi di Patrizio Dazzi

Anteprima della tesi: JJPF: uno strumento per calcolo parallelo con JINI, Pagina 2

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Patrizio Dazzi Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 611 click dal 21/03/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.