Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

JJPF: uno strumento per calcolo parallelo con JINI

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

22 CAPITOLO 2. STRUMENTI UTILIZZATI 6. il proxy stub si o upa di inoltrare i risultati ri evuti ad Y; La prima implementazione di RMI utilizzava ome proto ollo di trasporto il Java Remote Method Proto ol (JRMP), basato su TCP. In seguito sono nate diverse implementazioni di RMI he hanno onsenti- to l'utilizzo di altri proto olli, ome ad esempio HTTP [TBL96, RF99℄, IIOP [RMI04a℄ (il proto ollo di trasporto di CORBA [COR04℄), SSL [RMI04b℄ e Firewire (IEEE 1394 [IEE04℄). Un punto dolente è he ognuna di queste imple- mentazioni espone un'interfa ia di programmazione distinta e mette a dispo- sizione un insieme di lassi realizzate ad-ho . Quindi una appli azione s ritta utilizzando un parti olare proto ollo diventa di fatto dipendente da esso. Un altro grosso problema di RMI è la reazione dei proxy: per generarli è ne essario passare in input all'appli azione rmi , il le risultante dalla om- pilazione della lasse di ui si vogliono esporre i metodi, questo vin olo limita molto la dinami ità delle appli azioni reate poi hè non onsente la generazione di proxy a run-time. Per risolvere questo problema Sun Mi rosystems ha sviluppato il Jini Exten- sible Remote Invo ation (JERI), per la ui trattazione rimandiamo al paragrafo su essivo. 2.2.1 Jini Extensible Remote Invo ation (JERI) JERI [Ven02, Som03℄ è un'evoluzione di RMI (Ÿ 2.2 a pagina 20) in quanto ne onsente una totale personalizzazione. I punti hiave di JERI sono la possibilità di generare i proxy a tempo di ese uzione, tramite il me anismo di esportazione, e la possibilità di s egliere il proto ollo del livello di trasporto da utilizzare senza dover ris rivere o ri om- pilare il odi e. Esportazione RMI lassi o prevede he un oggetto, per rendersi visibile dal- l'esterno della JVM sulla quale è istanziato, debba registrarsi presso di essa eseguendo un'operazione hiamata esportazione. Da questo momento in poi la JVM onos e i metodi esportati verso l'esterno e sa quando sostituire un oggetto vero e proprio on il suo proxy. Il modo più sempli e per utilizzare RMI è di hiarare una lasse he esten- da Uni astRemoteObje t ed implementi l'interfa ia Remote (frammento di odi e 1 nella pagina su essiva). In questo aso, la maggior parte dei ompiti legati all'esportazione sono svolti dal ostruttore della lasse Uni astRemoteObje t; l'uni a attività ri hiesta all'utente è la denizione di un ostruttore senza parametri. Durante l'operazione di esportazione il runtime Java rea il proxy orrispondente alla lasse da esportare. An hè il runtime

Anteprima della Tesi di Patrizio Dazzi

Anteprima della tesi: JJPF: uno strumento per calcolo parallelo con JINI, Pagina 8

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Patrizio Dazzi Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 611 click dal 21/03/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.